Pubblicità
Testata


Bing

Giovedì 10 agosto 2017

Manifatturiero bellunese, segno più nel secondo trimestre






Operaie in fabbrica.


Un trimestre decisamente positivo per il manifatturiero: su base annua produzione in aumento del +4,1% a Treviso e del +2,5% a Belluno. ancora meglio il fatturato e la raccolta ordini. Bene anche la micro–impresa (5–9 addetti) operante nei beni di investimento. Come anticipato dagli indicatori previsionali, l’industria manifatturiera trevigiana e bellunese ha conosciuto un secondo trimestre particolarmente positivo su tutti i fronti. In linea anche con gli andamenti regionali e nazionali del comparto. Prendendo a riferimento l’indicatore della produzione, a Belluno essa è cresciuta del 2,5% su base annua, in linea con il dato regionale (2,6%); mentre a Treviso essa si attesta al +4,1% su base annua. Per entrambe le province il grado di utilizzo degli impianti si riporta attorno al 76%. Questo, in sintesi, è quanto emerge dalla consueta indagine «Veneto–Congiuntura» realizzata da Unioncamere del Veneto: basata su campioni statisticamente rappresentativi di 100 imprese per la provincia di Belluno (per un totale di 3.600 addetti), e di 260 imprese per la provincia di Treviso (per un totale di 11.400 addetti). «Finalmente numeri nettamente positivi, senza sfumature di incertezza – commenta il presidente della Camera di Commercio, Mario Pozza. È andata bene la produzione – prosegue – il fatturato è cresciuto a ritmi ancora più sostenuti, grazie soprattutto alla ripartenza della domanda internazionale. E i dati stessi ci dicono che questa componente della domanda resterà sostenuta anche per i prossimi mesi: infatti, la raccolta ordini dall’estero è cresciuta del +5,6% a Treviso rispetto allo scorso trimestre, e del +9,8% a Belluno.
«Il vero problema che vedo all’orizzonte – continua Pozza – è l’imminente ciclo elettorale: nella migliore delle ipotesi, rischiamo solo di perdere tempo. Ma non mi si prenda per disfattista. A fronte di questi dati positivi dell’economia mi sento solo in dovere di richiamare la politica alla sue responsabilità: affinché possano essere assunte scelte strategiche senza guardare troppo ai cicli del consenso».





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook
Le foto dell’Amico su Flickr
L’Amico su YouTube
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy



Copyright © 2000-2017 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253