Pubblicità
Testata

Giovedì 11 gennaio 2018

Perché la provincia si spopola? Quattro pagine su "Il Fatto Quotidiano"






Il giornale è in edicola con un approfondimento che parte dalle parole di don Giorgio Lise: «Denatalità paurosa, non possiamo far finta di nulla».

Iscriviti alla Newsletter

"Il Fatto Quotidiano", giornale di diffusione nazionale, dedica oggi, giovedì 11 gennaio, quattro pagine al "caso Belluno". L’approfondimento, curato dal giornalista Ferruccio Sansa in collaborazione con Gianni Santomaso, vuole provare a capire come mai la provincia con la qualità della vita più elevata in Italia è anche terra segnata da denatalità e forte spopolamento.

«Denatalità paurosa. Quest’anno abbiamo avuto 5 battesimi e 59 funerali. Non possiamo far finta di nulla», scrive l’arcidiacono don Giorgio Lise su "Echi di Agordo". Sansa parte proprio da qui, dall’allarme lanciato dal parroco: ad Agordo non si nasce più, la popolazione cala. Anche se la disoccupazione praticamente non esiste grazie a Luxottica e la cittadina ha il reddito pro capite più alto del Veneto. E se non ce la fa Agordo - scrive Sansa cogliendo il punto - rischiano di non farcela nemmeno Belluno e le Dolomiti.

«L’Italia non può permettersi che Belluno e i suoi monti si spopolino», riflette il giornalista genovese parlando con L’Amico del Popolo, «non soltanto per la bellezza straordinaria di questi luoghi, ma anche per il patrimonio culturale, sociale e umano dei nostri monti. Perché la gente di Belluno ha dato tanto a tutto il Paese. Abbiamo visitato tanti comuni, per capire come mai la gente se ne vada. Che cosa si possa fare. Perché a Belluno hanno chiuso 600 negozi in pochi anni? Perché si chiudono o accorpano gli ospedali? Perché poste, banche e scuole chiudono i battenti? Perché Belluno ha il record di spopolamento, mentre le vicine Trento e Bolzano vedono la popolazione aumentare del 2%?»

Sansa e il Fatto Quotidiano tirano delle conclusioni: mancano le infrastrutture, certo, ma manca anche un progetto politico. «E nessuno a Roma o a Venezia sembra accorgersi che l’Italia si è preoccupata più degli altoatesini - che hanno un peso politico tanto maggiore e sono stati premiati anche dalla recente legge elettorale - che dei bellunesi».

Dopo la "vetrina" luminosa proposta un mese fa dai media nazionali e basata sulle classifiche relative alla qualità della vita, oggi sono in edicola le quattro pagine del "Fatto" con testimonianze, storie, interviste: un ritratto oggettivo, che coglie anche i problemi del nostro territorio. Con le sue grosse opportunità, come i Mondiali di sci di Cortina «che sono una grande occasione, ma devono essere sorvegliati perché i quasi trecento milioni che arriveranno non siano sperperati come è avvenuto per tanti grandi eventi».

C’è infine la questione delle dighe e delle centraline elettriche che hanno devastato i corsi d’acqua del bellunese. «Un business che pare avere a cuore gli incentivi più che la produzione di energia elettrica. Belluno e il suo territorio meritano più cura», conclude Sansa, che ama la nostra provincia e per famiglia è legato ad Agordo, «da Selva di Cadore, Colle Santa Lucia, San Vito ogni domenica sera i pullman portano in pianura i ragazzi che se ne vanno per studiare. Bisogna dare ai giovani la possibilità di scegliere e coltivare le proprie aspirazioni nella loro terra».


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253