Pubblicità
Testata

Sabato 10 febbraio 2018

La Pediatria di Belluno apre le porte agli amici a quattro zampe






La "Pet-Therapy" entra a pieno titolo tra le corsie dell’ospedale grazie anche all’idea della sezione Abvs di Visome-Castoi.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Grazie all’idea della sezione di Visome-Castoi dell’Abvs (Associazione bellunese volontari del sangue), alla sinergia con il gruppo dello Juventus Club Belluno e dell’Apaca di Belluno e alla grande determinazione del primario di Pediatria dell’ospedale di Belluno, . Luigi Memo, coadiuvato dalla caposala e dalle maestre del reparto, è stato possibile realizzare, per la prima volta all’ospedale l’incontro tra i piccoli degenti, gli alunni della seconda classe della scuola di Castion e i due cani Dada e Tamu.

E’ da tempo che si cercava di superare le barriere che impedivano l’ingresso degli animali in reparto e ora, a seguito dell’approvazione nel 2015 delle Linee guida nazionali in materia di Interventi assistiti con gli animali, sono state stabilite delle regole operative. I responsabili dell’iniziativa hanno perciò individuato preliminarmente, tra gli abilitati nel territorio, la dott. Elena Zanardo, educatore cinofilo, in qualità di coadiutore del cane e la dott. Laura Furlani, psicologa, come referente e responsabile del progetto e, quindi, con loro, hanno potuto realizzare l’atteso appuntamento. Nella mattinata di venerdì 9 febbraio Dada e Tamu, due esemplari di Curly Coated Retriever, sono entrati in corsia accolti dai bambini, dalle maestre, dal personale della Pediatria, dal dott. Gianluigi Zanola, direttore del Servizio veterinario dell’Ulss e dall’assessore Valentina Tomasi.

Lo scopo dell’iniziativa è far conoscere la realtà della Pediatria ai bambini delle scuole regalando nel contempo un momento emozionante ai bambini ricoverati. Dopo una prima introduzione sull’importanza del rapporto uomo-cane, i bambini sono entrati nel vivo dell’attività con una prima fase di conoscenza degli amici a quattro zampe, con una successiva fase di avvicinamento e poi con il contatto vero e proprio.

L’utilità dell’incontro tra chi si trova in difficoltà e l’animale è da tempo stato riconosciuto e per questo motivo molti ospedali italiani hanno previsto la presenza degli animali vicino alle persone ospedalizzate, per migliorarne la qualità della vita e, in molti casi, accelerarne il processo riabilitativo e di guarigione.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253