Pubblicità
Testata

Mercoledì 11 luglio 2018

Protezione civile, avanti con le giornate formative






Bottacin: «Nel 2018 già svolti decine di corsi, migliaia di partecipanti». Nella foto il corso a San Vito di Cadore.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

«Dall’inizio dell’anno abbiamo già svolto quattordici corsi specialistici sul rischio elettrico per volontari capisquadra, un corso base per sindaci e amministratori locali, due corsi specialistici sul rischio idraulico e uso delle pompe, due corsi specialistici anche in relazione alla protezione dei beni culturali, quattro corsi per le nostre diverse strutture presenti sul territorio. Abbiamo poi organizzato, a fine maggio, una due giorni sul nuovo Codice della Protezione Civile dedicata il primo giorno alle istituzioni con quattrocento partecipanti e il secondo ai volontari con oltre duecento partecipanti. Continuiamo inoltre i percorsi didattici di Scuola Sicura Veneto all’interno delle scuole primarie e secondarie venete con oltre venti giornate tra primavera e autunno».

Lo ha ricordato l’assessore alla Protezione Civile del Veneto Gianpaolo Bottacin, che ha organizzato anche il corso che si è svolto oggi, mercoledì 11 luglio, a San Vito di Cadore rivolto agli amministratori locali ma anche alle regole dell’Alto Bellunese ed espressamente dedicato al tema dei temporali.

«È uno degli impegni che ho preso con volontari e amministrazioni», ha spiegato Bottacin, «e lo sto seguendo quotidianamente insieme alle strutture, ben consapevole dell’importanza di garantire massima professionalità e conoscenze in materia in capo ai soggetti interessati».

Durante la giornata formativa di San Vito sono state approfondite le tematiche relative alla previsione dei temporali, agli specifici allertamenti e a come leggere i vari bollettini in materia, ma anche gli effetti dei temporali sulle zone montane come le colate di fango o i debris flow. La giornata si è quindi conclusa con alcuni approfondimenti sulla pianificazione di protezione civile e la gestione dell’emergenza. Oltre alle strutture dell’assessorato (con interventi di Germano Dal Farra, Rocco Mariani, Riccardo Rossi e Roberto Taranta), hanno fornito il loro contributo anche Arpav (Franco Zardini) e il Centro Funzionale Decentrato (Vincenzo Sparacino).

«Ovviamente non ci fermiamo qui», ha concluso Bottacin, «quello di San Vito è solo il primo appuntamento del secondo semestre che ci vedrà presenti con decine di ulteriori corsi in tutti i territori del Veneto, attraverso i quali miriamo a raggiungere la maggior parte dei nostri diciottomila volontari, ma non solo».


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253