Pubblicità
Testata

Lunedì 29 ottobre 2018 ‐ S. Ermelinda

Frazioni isolate ed evacuate, il maltempo non dà tregua






Al momento la situazione più critica è in Agordino, ma i black out elettrici stanno interessando tutta la provincia.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Smottamenti, black out elettrici, chiusure di ponti e strade. Il maltempo non sta dando tregua al territorio provinciale, che continua a essere interessato da precipitazioni diffuse, anche di forte intensità.


Pubblicità

La Prefettura, nel bollettino aggiornato alle 18, avvisa che nelle prossime ore, fino alle 24, potrebbero verificarsi ulteriori fenomeni intensi che riguarderanno tutta la provincia e, in particolare, il Feltrino, il Comelico e il basso Agordino. Il significativo rinforzo del vento di scirocco sta provocando diversi disagi a causa della caduta di alberi e cavi elettrici lungo le strade. Diverse le zone del territorio interessate da black-out, sui quali E-Distribuzione sta operando: riguardano specialmente la zona di Longarone, Valbelluna, Agordino, Alpago.

Al momento la situazione più critica è in Agordino dove, nel Comune di Taibon, si sta procedendo con l’evacuazione dell’abitato di Forno di Val. Nel Comune di Cencenighe sono isolate le frazioni di Chenet, Lorenzon, Boch. A Feltre, il Comune ha evacuato la frazione di Villaga per allagamenti.
Veneto Strade ha comunicato la chiusura delle seguenti arterie: SR 48 delle Dolomiti in località Rio Gere e Arabba; SP 5 in direzione Lamosano, SP 30 Panoramica del Comelico, SP 251 della Val di Zoldo e Val Cellina tra Igne e Dont; Passo Duran; SR 203 a Mas; La Muda e Avoscan; SP 641 del Passo Fedai. Anas fa presente che la SS 52 Carnica è chiusa da Ponte Mina a Sega di Gonna.
Chiusa anche la A27 per telonati e caravan da Vittorio Nord.

Tenuto conto del peggioramento delle condizioni meteorologiche atteso nelle prossime ore, si rinnova l’invito alla popolazione a evitare spostamenti, laddove non strettamente necessari.
A causa delle portate particolarmente elevate di tutti i fiumi ed i torrenti, si raccomanda di evitare di sostare lungo i ponti o gli argini degli stessi.
E’ stata attivata la procedura di massima allerta per il rischio idraulico relativa alle seguenti dighe: Corlo, Alleghe, Ghirlo, Valle di Cadore, Busche ed il Centro Coordinamento Soccorsi è in continuo contatto con i Sindaci interessati.
In 54 comuni della Provincia è stato attivato il Centro Operativo Comunale.
I Vigili del Fuoco, i volontari della Protezione Civile, le Forze della Polizia si stanno adoperando con tutte le risorse a disposizione per fronteggiare l’emergenza.
Per eventuali segnalazioni della cittadinanza, è attivo, presso la Sala Operativa Provinciale, il numero 0437/936237.
Tale utenza non deve essere tuttavia utilizzata per richieste di soccorso urgente che dovranno essere indirizzate ai tradizionali numeri di emergenza 112 – 113 – 115 – 118.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253