Pubblicità
Testata

Martedì 6 novembre 2018 ‐ S. Leonardo

Riaprire la provinciale 49, appello dei Sindaci di Dobbiaco e Auronzo






La strada che collega Misurina alla località altoatesina è interrotta al km 6 per una voragine.

Iscriviti alla Newsletter

Ascolta il testo

Nella mattinata di oggi, martedì 6 novembre, i sindaci di Auronzo di Cadore e di Dobbiaco, Tatiana Pais Becher e Guido Bocher, si sono incontrati a Misurina per fare il punto sulla situazione dell’interruzione, a causa di una voragine apertasi al km 6, della strada provinciale 49 che dalla Perla delle Dolomiti scende a Carbonin.


Pubblicità

Il sopralluogo, reso possibile grazie alla presenza del maresciallo Francesco Evangelisti della caserma dei Carabinieri di Auronzo, è stato immortalato dalla troupe del programma di Rai1 Uno Mattina, in collegamento in diretta dagli studi Rai.

In collegamento con i sindaci c’era il governatore del Veneto, Luca Zaia, che ha rassicurato i Sindaci affermando che si tratta sicuramente di «un’opera prioritaria da realizzare» aggiungendo «questo è uno dei collegamenti prioritari, uno dei danni più grandi che abbiamo, in quanto tocca una viabilità che è nevralgica».

Entrambi i Sindaci si sono detti preoccupati per una situazione che potrebbe compromettere per la stagione invernale il collegamento tra le due valli, Val D’Anisei e Val Pusteria, ma anche tra la Provincia di Belluno e l’Alto-Adige, con conseguente disagio per lavoratori pendolari, studenti, utenti dei vari ospedali di Brunico e San Candido. L’interruzione inoltre provocherebbe danni incalcolabili per il turismo, dal momento che il 70% dei turisti che salgono a Misurina e alle Tre Cime di Lavaredo provengono proprio dalla Val Pusteria.

Il Sindaco di Auronzo ha colto l’occasione per ringraziare il collega di Dobbiaco per la solidarietà e collaborazione, avendo ricevuto una risposta immediata lunedì sera quando una famiglia rimasta isolata a Federavecchia non era raggiungibile, a causa delle frane, dai soccorsi di Auronzo. Bocher non aveva esitato e aveva immediatamente messo in moto il Soccorso alpino di Dobbiaco.


Leggi gli altri titoli di oggi.

Iscriviti alla Newsletter





Home
L’Amico edizione digitale
L’Amico su Facebook  
L’Amico su Twitter  
Le foto dell’Amico su Flickr  
L’Amico su YouTube  
L’Amico su Instagram  
Abbonamenti
Pubblicità
Privacy




Copyright © 2000-2018 L'Amico del Popolo S.r.l.
Piazza Piloni 11, 32100 Belluno
Tel. +39 0437 940641, Fax +39 0437 940661
Email redazione@amicodelpopolo.it
P.Iva/C.F. 00664920253