Belluno °C

giovedì 23 Maggio 2019,

Ancora una volta l'”orco” è uno di famiglia

Violenza sessuale su una bambina in Valbelluna, in carcere il marito della zia. Nella foto il Maggiore Marco Stabile.

Violenza sessuale nei confronti di una bambina sotto i 10 anni di età, in età scolare. L’autore è in carcere a Pordenone, lo hanno fermato i Carabinieri di Belluno un paio di giorni dopo i fatti, all’inizio di febbraio, gravissimi i capi d’accusa di cui dovrà rispondere.

È il marito della zia della bambina, straniero (non africano), nato nel 1961, regolare in Italia, dove ha raggiunto da circa un anno la moglie, che vive e lavora da tempo in Valbelluna. È stato un normale ricongiungimento familiare, previsto dalla legge. Di più i Carabinieri non possono dire, le indagini sono in corso, la situazione è delicatissima.  

Il Maggiore dei Carabinieri Marco Stabile.

La mamma della bambina si è insospettita parlando con la figlia, il giorno dopo. L’ha portata al pronto soccorso per capire, per sapere. Si è attivato il protocollo previsto dalla legge e  sul posto è intervenuto il nucleo operativo specializzato dei Carabinieri di Belluno, come riferisce il Maggiore Marco Stabile.  

Nell’anno di soggiorno in Italia l’uomo non era riuscito a trovare un lavoro fisso e così, nell’ambito della comunità dei connazionali, si era reso disponibile a tenere i bambini.  

Quando ha saputo che i genitori della piccola si erano rivolti al pronto soccorso l’uomo, incensurato, si è eclissato. I Carabinieri hanno presidiato le case che frequentava, lo hanno trovato nascosto in una abitazione di connazionali con la  moglie, al buio. 

Il Maggiore Stabile invita le famiglie a stare attenti: di solito l'”orco” è uno di famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *