Belluno °C

giovedì 21 Marzo 2019,

«Io vivo qui», progetto per promuovere la cittadinanza attiva tra le Dolomiti

Lunedì 18 marzo la presentazione dell’iniziativa nella sede della Fondazione G. Angelini a Belluno (foto da www.dolomitiunesco.info).

Si terrà lunedì 18 marzo alle 10.30 nella sede della Fondazione G. Angelini, in Piazza Mercato 26 a Belluno, la presentazione del progetto «Io vivo qui» della Fondazione Dolomiti Unesco in corso di realizzazione negli Istituti Comprensivi di Cortina d’Ampezzo e di Zoldo e condotto dalla Fondazione G. Angelini quale referente della Rete della Formazione e della Ricerca della Fondazione Dolomiti Unesco, in collaborazione col’Ufficio scolastico regionale per il Veneto. Saranno presenti Marcella Morandini (direttrice della Fondazione Dolomiti Unesco), Ester Cason Angelini (consigliere delegato della Fondazione G. Angelini), Mara De Monte (tutor del progetto, in collaborazione con Franco Chemello, referente dell’Ufficio scolastico regionale).

Il progetto formativo «Io Vivo qui» ha lo scopo di promuovere la cittadinanza attiva in un territorio riconosciuto patrimonio mondiale Unesco. Si tratta di un percorso educativo che ha la finalità di riconoscere, comprendere e interpretare concetti base quali il territorio e le sue risorse, gli aspetti economici e sociali con particolare riguardo all’interazione tra la natura e l’opera dell’uomo, soprattutto in ordine ai particolari contesti paesaggistici.

Il riconoscimento Unesco è un grande onore che implica anche grandi responsabilità – sottolineano gli organizzatori dell’iniziativa – e c’è quindi il dovere di far crescere cittadini consapevoli. La dimensione di partenza è quella affettiva: gli spazi, i luoghi, l’ambiente e i paesaggi che le ragazze e i ragazzi vedono da casa loro o che frequentano abitudinariamente per analizzarli e comprenderli da diversi punti di vista, tanti quanti sono i progetti esperiti nel corso dell’anno dalle varie classi partecipanti.

Ma la consapevolezza di essere cittadini di un patrimonio mondiale Unesco non si acquisisce soltanto con lo studio teorico, ma tramite concrete esperienze sul campo in modo che gli allievi possano condividere e esprimere i valori relativi alla responsabilità civica attiva in relazione al proprio territorio e al suo valore tramite atteggiamenti partecipativi e responsabili.

3 commenti

  • è una meravigliosa iniziativa, vorrei poter condividere l’idea per trasmetterla in altri territori del nostro Veneto, in particolare sui colli asolani dove esistono d’interesse naturalistico non ancora depredate

  • Sono amante delle Dolomiti !

  • Anche in una scuola primaria del Trentino si sta lavorando su un progetto denominato”Io vivo qui”. Evidentemente ci sono insegnanti che condividono gli stessi obiettivi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *