Belluno °C

sabato 20 Aprile 2019,

“Dolomiti Beer Trail”, quest’anno anche la prova di 12 km

La gara, valida come Campionato Italiano Trail per i Vigili del fuoco, si terrà sabato 20 aprile.

Mancano poche giorni al via della terza edizione del “Dolomiti Beer Trail”, la gara di corsa che si avvale del patrocinio del Comune di Feltre e che si svilupperà attraversando il territorio pedemontano del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, toccando i sentieri di Pedavena, Croce d’Aune e Sovramonte. La gara, valida come Campionato Italiano Trail per i Vigili del fuoco, si terrà sabato 20 aprile, quando partiranno dalla Birreria di Pedavena circa 700 atleti distribuiti su due percorsi, 45 chilometri quello più lungo e 24 chilometri il corto. Il dislivello positivo del trail più lungo è di 2400 metri, mentre il percorso più breve ha un dislivello positivo di 1400 metri. Il Comitato organizzatore per questa terza edizione ha voluto inserire un percorso più breve di 12 chilometri.

Le iscrizioni a questa prova saranno aperte sino a qualche minuto prima del via. I tracciati hanno in comune in primi 19 chilometri, quelli che da Pedavena porteranno al Monte Avena, dopo il rifugio Le Buse, alla chiesetta di Santa Susanna. Gli atleti del “corto” torneranno verso Pedavena, mentre gli atleti impegnati della prova più lunga dopo aver corso sul Troi della Zeccona transiteranno al Passo Croce d’Aune. Oltrepassata la zona ristoro, i runner dirigeranno verso la località Camogne, da dove inizierà la discesa lungo la Valle di Lamen percorrendo la strada romana Via Claudia Augusta. A Lamen mancheranno 7 chilometri all’arrivo, da qui l’ultima fatica in vista del traguardo posto nel parco della Birreria Pedavena.

Per quanto riguarda gli atleti più titolati alla vittoria finale c’è stata la conferma Luca Cagnati e Oliviero Bosatelli. «Il tracciato è segnalato alla perfezione», dice Gian Pietro Slongo. «In questi giorni i responsabili del tracciato, Renzo Possamai ed Emanuele Zanovello, stanno definendo gli ultimi dettagli. Speriamo che le condizioni meteo siano meglio dello scorso anno. Per quanto riguarda l’assistenza medica siamo pronti a ogni situazione con il piano sanitario redatto dal dottor Piergentili. Anche la zona di partenza e arrivo è già stata allestita e pronta ad accogliere gli atleti provenienti da tutto il nord Italia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *