Belluno °C

sabato 20 Aprile 2019,

Schede ospedaliere, Massaro: «Le nostre sono richieste sensate, basate sui dati»

Oggi, lunedì 15 aprile, l'esecutivo provinciale della conferenza dei sindaci. Domani, martedì 16, l'audizione a Venezia in quinta commissione.

«Siamo positivi e ottimisti, non riteniamo di “chiedere la luna” e crediamo che la Regione del Veneto possa interfacciarsi utilmente con noi per risolvere alcune criticità che ancora adesso esistono». Questo il commento “a caldo” del sindaco Jacopo Massaro non appena concluso l’esecutivo provinciale della conferenza dei sindaci. Il tema, come si può ben immaginare, sono le schede ospedaliere, approvate di recente dalla giunta regionale. «Non c’è complessivamente un giudizio negativo, nel senso sono presenti luci e ombre, da mettere un po’ “a fuoco”», sottolinea Massaro. «Di sicuro manca una presa in carico di alcune istanze dei territori periferici, in particolare per gli ospedali di Agordo e Pieve di Cadore. Istanze che dovranno essere quindi riprese in mano. E manca una vocazione specialistica, che come conferenza dei sindaci avevano chiesto espressamente, affinché questi ospedali possano avere una certa consistenza, nei numeri, di interventi e casistiche».

Assente, secondo l’esecutivo, anche «un ulteriore rafforzamento del ruolo dell’ospedale di Feltre sull’extraregionale, nello specifico per quanto riguarda chi arriva dal Primiero», precisa il sindaco. «I posti letto per gli utenti che arrivano da fuori provincia dovrebbero essere aggiuntivi rispetto a quelli già previsti per Feltre. Per quanto riguarda il San Martino di Belluno, mancano azioni che permettano la specializzazione dell’ospedale per le acuzie più importanti».

Massaro, con il collega sindaco Paolo Perenzin, scenderà a Venezia domani, martedì 16 aprile, per un’audizione in quinta commissione. «Riferiremo in modo organico le osservazioni che abbiamo rilevato oggi», conclude. «Spiegheremo in modo analitico e puntuale il senso dei nostri interventi. Non “chiediamo la luna” e riteniamo che la Regione possa interfacciarsi utilmente con noi per risolvere le criticità tuttora esistente. Le nostre sono richieste sensate, basate sui dati e quindi, ci auguriamo caldamente, ottenibili».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *