Belluno °C

lunedì 19 Agosto 2019,

Insediato a Roma il “Tavolo filiera del legno”

La presidente di Confartigianato Belluno e imprenditrice nel settore del legno, Claudia Scarzanella, ha preso parte ai lavori in rappresentanza della Confederazione.

Oggi, giovedì 16 maggio, al ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo si è svolta la riunione di insediamento del “Tavolo filiera del legno”, un settore importante con oltre 73.000 imprese e 240.000 addetti. La presidente di Confartigianato Belluno e imprenditrice nel settore del legno, Claudia Scarzanella, ha preso parte ai lavori del tavolo in rappresentanza della Confederazione.

Il tavolo, che ha funzioni di coordinamento tra le componenti della filiera foresta-legno ed energia e le diverse politiche di settore nazionali e regionali, è costituito dai rappresentanti delle principali associazioni del settore del legno, delle organizzazioni agricole, delle università, dai funzionari delle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, dai componenti le associazioni di protezione ambientale e di ricerca, del Consiglio dei dottori agronomi, dell’Istat e del Cnel.

Nel suo intervento, Claudia Scarzanella ha ringraziato il ministero per l’avvio dei lavori del tavolo, importante sia nell’ottica di seguire il lavoro di stesura dei decreti attuativi del Testo Unico Forestale che per operare sulla filiera del legno rispondendo a pieno alle caratteristiche di multifunzionalità della foresta. La presidente Scarzanella ha poi sottolineato «l’importanza delle imprese artigiane nel settore forestale in quanto garanti della sostenibilità anche dei territori periferici nei quali sono ubicate prevalentemente le foreste. Le imprese infatti creano lavoro e contribuiscono a garantire il presidio del territorio ed evitare lo spopolamento».

Non è mancato il riferimento alla tempesta Vaia e alla sua furiosa violenza come occasione per portare all’attenzione dei media la presenza delle foreste come patrimonio, auspicando che l’attenzione odierna delle istituzioni per le foreste diventi motore della sensibilità di tutto il paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *