Belluno °C

venerdì 22 Novembre 2019,

Il Palio di Feltre “gemellato” con il Palio del Castel d’Amore di Castelfranco

L'obiettivo è promuovere la manifestazione feltrina in terra della Marca. Domenica 16 giugno una delegazione è scesa con il labaro e gli stendardi dei quattro quartieri.

Il Palio di Feltre “gemellato” con il Palio del Castel d’Amore di Castelfranco. A suggellare quest’amicizia la delegazione feltrina ha dato prova di sé nell’evento castellano per la scelta degli “arcieri per i consoli”, che prelude al Palio della città murata. Un “gemellaggio” volto a promuovere la disfida feltrina in terra della Marca, luogo a sua volta di un altro Palio: sbandieratori e tamburi, corteo dei nobili hanno dato un assaggio della manifestazione feltrina, riscuotendo il successo cui queste trasferte hanno abituato. Una prima edizione, per la quale è stata chiesta la partecipazione feltrina, che è inserita nell’ampio programma del Palio di Castelfranco che torna quest’anno (dopo due anni consecutivi di stop).

La delegazione feltrina (della quale faceva parte anche il vice sindaco Alessandro Del Bianco) è scesa con il labaro del Palio, affiancato dagli stendardi dei quattro quartieri, quindi un nutrito gruppo di corteo dei nobili, poi musici e sbandieratori del Gruppo Sbandieratori Città di Feltre: un momento che ha anticipato il Palio feltrino agostano con i suoi tipici spettacoli, non a caso gli sbandieratori hanno dato prova delle loro figure in diversi punti della città castellana.

Domenica scorsa la manifestazione ha visto ampio spazio per l’evento dell’estate feltrina, con la presentazione ufficiale del Palio dei quindici ducati, nell’ambito di una giornata “istituzionale” alla quale ha partecipato anche l’amministrazione di Castelfranco con il vicesindaco Gianfranco Giovine che ha accolto la delegazione feltrina. Il programma ha quindi riempito tutto il pomeriggio e la sera della città castellana, tra le gare degli arcieri per la scelta dei consoli, cortei e feste dei gruppi storici.

Per il presidente Eugenio Tamburrino «la partecipazione a questo evento è di primaria importanza per il Palio, sia per ampliare la nostra promozione in un ambito strategico per noi come la pedemontana veneta, sia perché credo che da qui possa partire un percorso di collaborazione e condivisione con l’associazione Palio di Castelfranco. Ringrazio quindi il presidente della compagine castellana, Gianmaria Pizzolato, per l’invito e per l’ospitalità, così come i componenti della delegazione del nostro Palio, in particolare il Gruppo Sbandieratori Città di Feltre, che ci hanno ben rappresentato anche con questa occasione».

Soddisfatto anche il vice sindaco Alessandro Del Bianco: «Queste occasioni rappresentano molto più che un semplice momento promozionale, ma sono motore di condivisione tra manifestazioni e città che hanno molti aspetti in comune, non ultimo l’appartenenza al circuito delle città murate del Veneto. La delegazione del Palio ha ben rappresentato la città di Feltre, facendo vedere come il Palio e il tessuto sociale feltrino siano assolutamente vitali e ricchi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *