Belluno °C

domenica 20 Ottobre 2019,

Inaugurato il balcone panoramico del Monte Rite

È costituito da un semicerchio metallico. Il visitatore può osservare il panorama e, contemporaneamente, leggere i nomi delle creste tutt’attorno, riproposti in bassorilievo sul semicerchio.

La Provincia di Belluno ha inaugurato oggi, sabato 21 settembre, il primo dei tre balconi panoramici sulle Dolomiti Unesco. Una terrazza collocata a quota 2.180 metri, sul Monte Rite, per mostrare e raccontare le montagne tutt’intorno, in una visuale a 360 gradi. L’iniziativa rientra nel piano «Esposizione Universale Expo 2015» che prevede la valorizzazione e la promozione dei principali siti naturalistici regionali, ponendo l’accento in particolare sulle Dolomiti Unesco. La creazione dei balconi panoramici si somma all’installazione di pannelli promozionali dei siti dolomitici.

Il balcone panoramico del Monte Rite è costituito da un semicerchio metallico. Il visitatore può osservare il panorama e, contemporaneamente, leggere i nomi delle creste tutt’attorno, riproposti in bassorilievo sul semicerchio.

Della gestione del progetto si è occupata la Provincia di Belluno (settore Patrimonio e Viabilità) che ha individuato come siti idonei per i tre balconi panoramici il Monte Rite (nei comuni di Cibiana e Valle di Cadore), il Monte Agudo (in comune di Auronzo) e la località Faverghera-Nevegal (in comune di Belluno). La progettazione è stata affidata al raggruppamento temporaneo di professionisti rappresentato dall’architetto Tommaso Del Zenero. Il progetto ha un importo complessivo (per tutti e tre i balconi più i pannelli informativi) di 185.000 euro.

Nel dettaglio, il balcone panoramico del Monte Rite è stato realizzato in lamiera di acciaio corteo e struttura in calcestruzzo armato. È provvisto di bussola panoramica di 360 gradi, con intagliati al laser i profili su tre livelli delle montagne circostanti (verificati sul posto dagli architetti progettisti, dai rappresentanti della Provincia e anche dalle sezioni Cai di competenza). Sono stati realizzati inoltre i percorsi di accesso, completati con parapetti di protezione in acciaio corteo e pavimentazione in stabilizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *