Belluno °C

domenica 8 Dicembre 2019,

Turismo ancora in crescita, «Belluno è la porta sulle Dolomiti»

La permanenza in città si allunga, segno che il soggiorno a Belluno diventa strategico.

Ancora segnali positivi per il turismo a Belluno, il capoluogo: i dati ufficiali del 2018 migliorano la performance del 2017 e i segnali che arrivano in questi mesi dal 2019 dall’ufficio turistico e dal nuovo infopoint sul Nevegal confermano il trend.

I dati del 2018 adesso sono certificati: oltrepassata quota 60mila per gli arrivi, 40mila italiani e 20mila stranieri; italiani in testa anche per le presenze: delle 167mila totali, 127mila sono di nostri connazionali. Rispetto al 2017, la crescita degli arrivi complessivi si attesta sul 2,8%, mentre quella delle presenze è del 5,6%. E sono dati ancora più chiari se rapportati agli anni precedenti: nel 2011 gli arrivi erano stati poco più di 37mila a fronte di 113mila: +61% di arrivi e +49% di presenze nell’arco di sette anni. Il Comune, nel comunicare questi dati, ovviamente sottolinea che l’importante incremento è avvenuto negli anni dell’amministrazione di Jacopo Massaro.

Tra le nazioni che hanno fatto registrare oltre mille turisti, si trovano Germania, Francia, Austria, Regno Unito e Stati Uniti d’America, oltre ai paesi del Sudamerica (Brasile e Argentina su tutti): «È molto interessante l’ampliarsi dell’elenco dei paesi di provenienza: rispetto al 2016 (quando sopra i mille erano arrivati solo Germania, Francia e Austria), si sono aggiunte realtà come gli Usa e il Sudamerica. Il marchio Dolomiti funziona e Belluno è ormai diventata la porta su queste realtà», commenta l’assessore al turismo Yuki d’Emilia. «Particolare anche la controtendenza sul fronte presenze: mentre a livello internazionale si va verso vacanze brevi e frequenti, a Belluno il periodo di permanenza è più lungo; segno che l’offerta del nostro territorio, dall’ambiente alla cultura allo sport, è molto ampia, e la città viene vista come punto strategico e porta d’accesso a tutte queste diverse realtà».

Indicativi anche i primi numeri sugli afflussi del 2019: sfondata quota 9mila accessi all’ufficio turistico di piazza Duomo, mentre nello stesso periodo del 2018 ci si era fermati a 8.700. In crescita anche le richieste di informazioni e spillette dell’Alta Via n.1: 303 nel 2017, 403 nel 2018, 412 fino ad ora nel 2019. In questo caso, in testa alla classifica si piazzano gli Usa, seguiti da Italia e Germania; medaglia di legno per l’Australia, seguita da Regno Unito, Canada e Belgio. Ottimi numeri anche del nuovo infopoint del Nevegal: da agosto a metà settembre, sono state poco meno di 900 le richieste raccolte dagli operatori.

«Sono dati parziali, ma comunque importanti per capire le tendenze e le richieste dei turisti», commenta d’Emilia. «Ad esempio, all’ufficio turistico viene chiesto spesso dove poter andare a mangiare prodotti tipici, e se sono disponibili visite guidate alla città: l’enogastronomia è un settore importante nel turismo internazionale, e dobbiamo valorizzare i nostri prodotti di eccellenza e la qualità della nostra ristorazione. Dobbiamo anche puntare sulle meraviglie del nostro centro storico, e un’idea potrebbe essere quella di realizzare un calendario di visite guidate per far conoscere tutte le bellezze della città».

Nel segno del successo del turismo culturale vanno anche i dati del museo di Palazzo Fulcis: i biglietti hanno fatto registrare un +5% rispetto al 2018 (7.639 contro 7.244), mentre nel periodo della mostra «Sebastiano Ricci. Rivali ed Eredi. Opere del Settecento della Fondazione Cariverona», dal 6 aprile al 22 settembre, l’incremento è stato addirittura del 34% :«Il Fulcis è sicuramente un elemento di grande richiamo, e unito a un evento come la recente mostra sul Settecento italiano diventa ancora più apprezzato. Per questo, oltre agli eventi sportivi dal richiamo nazionale e internazionale, credo che sia necessario puntare con decisione anche su eventi culturali di spessore», aggiunge d’Emilia.

C’è poi l’aspetto naturalistico: «Oltre alle informazioni sull’Alta Via, i visitatori cercano possibilità di passeggiate nel Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, in Nevegal e su percorsi ciclabili».

Sulla situazione infrastrutturale, «particolarmente apprezzato è il parcheggio di Lambioi, che consente di arrivare immediatamente in centro storico. Una delle critiche che viene mossa è invece lo scarso collegamento con Venezia e, in particolare, con gli aeroporti», sottolinea l’assessore.

Importanti, anche per la valorizzazione del Nevegal, i dati arrivati dall’infopoint: «Vengono richieste mappe, itinerari a piedi e eventi in programma, oltre a informazioni generali sia sul colle che sulla città», conclude l’assessore, «sono tutte informazioni importanti che ci permetteranno di mettere in atto azioni mirate realmente utili ai visitatori del Nevegal».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *