Belluno °C

venerdì 13 Dicembre 2019,

Ponte di Santa Caterina riaperto nei due sensi di marcia

Il momento tanto atteso è arrivato. Alle 17.32 di oggi, lunedì 2 dicembre (foto di Giovanni Santin e Anas).

Il momento tanto atteso è arrivato. Alle 17.32 di oggi, lunedì 2 dicembre, il ponte di Santa Caterina è stato riaperto nei due sensi di marcia. Nei giorni scorsi Anas, ente responsabile della Strada Statale n. 51 di Alemagna e dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del ponte sul Piave, aveva comunicato come orario di riapertura le 17. Tant’è che qualche automobilista, vedendo i movimenti di smobilitazione del cantiere, ha tentato di passare prima che, di fatto, i mezzi fossero stati tolti dalla strada. Due automobili sono state fermate e fatte tornare indietro.

Alle 17.32 il ponte ha riaperto definitivamente. Diversi cittadini si erano “appostati” vicino alla chiesa di Santa Caterina per assistere all’apertura. Presente anche il sindaco di Ponte nelle Alpi, Paolo Vendramini. Il ponte era chiuso da fine agosto per un importante intervento di restyling. I lavori in progetto, del valore complessivo di circa 580 mila euro, hanno consentito di eseguire l’allargamento della carreggiata tramite la demolizione dell’attuale sede stradale per uno spessore di circa 25 centimetri, la realizzazione di una nuova soletta in calcestruzzo e di sbalzi laterali in cemento armato. Completano l’opera i parapetti restaurati e nuove barriere laterali di sicurezza in acciaio e legno.

Da Anas fanno sapere che permane lungo il ponte la configurazione di cantiere con il limite di velocità a 30 km/h per consentire all’impresa di completare alcune lavorazioni marginali, comunque compatibili con il transito dei veicoli in entrambe le direzioni.

La chiusura del ponte, benché necessaria, ha creato in questi mesi non pochi disagi. Tant’è che il Comune di Ponte nelle Alpi ha inviato all’Anas una richiesta di ristoro danni per i disagi subiti dalla comunità e dalle categorie produttive. Prenderà inoltre posizione nei confronti della Sovrintendenza Architettonica e Paesaggistica che, a causa del vincolo storico sul ponte, ha fatto ritardare l’esecuzione dei lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *