Belluno °C

martedì 14 Luglio 2020,

Il volontariato bellunese a “Padova capitale europea”

L'evento, che vedrà la presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si terrà venerdì 7 febbraio presso la Fiera di Padova. La compagine bellunese, coordinata da Csv Belluno/Comitato d'intesa, sarà formata da un centinaio di rappresentanti di associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, volontari di tutta la provincia.

Anche il mondo del volontariato bellunese parteciperà, compatto, a “Ricuciamo insieme l’Italia”, cerimonia di inaugurazione di “Padova capitale europea del volontariato 2020”. L’evento, che vedrà la presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si terrà venerdì 7 febbraio presso la Fiera di Padova. La giornata, una delle tappe del programma promosso da Csv Padova e Comune di Padova, sarà certamente un modo per celebrare i volontari veneti.

La compagine bellunese, coordinata da Csv Belluno/Comitato d’intesa, sarà formata da un centinaio di rappresentanti di associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, volontari di tutta la provincia; il trasferimento avverrà con un mezzo di trasporto messo a diposizione gratuitamente dal Csv Belluno. Ci saranno anche Gianluca Corsetti, presidente del Comitato d’intesa, e Nevio Meneguz, direttore del Csv Belluno. «La nostra presenza è fondamentale per una data così importante», spiega Meneguz. «Abbiamo la possibilità di portare la voce di un volontariato attivo e radicato, stante le nostre note problematiche territoriali, in un contesto vicino e in cui l’importanza del lavoro quotidiano del volontario è riconosciuta a livello europeo. L’evento perlatro è particolarmente sentito, in quanto promosso dal Csv Padova, col quale abbiamo collaborato in diverse occasioni».

Così, il presidente Corsetti: «È una delle prime occasioni in cui un Presidente della Repubblica prende parte a un evento che valorizza il volontariato perciò vogliamo far sentire fortemente la nostra presenza. Purtoppo, per ragioni organizzative non dipendenti da noi, abbiamo dovuto limitare la disponibilità di posti, perché saremmo stati molti di più. Non conta il numero, conta invece la condivisione degli obiettivi dell’intera rassegna».

Anche il ministro del lavoro e delle politiche sociali, Nunzia Catalfo, accoglie con positività l’evento: «Il Terzo settore e il volontariato in particolare sono ormai elementi fondanti del tessuto economico e sociale nel nostro Paese», ha dichiarato, parlando di “Padova capitale europea del volontariato” come «l’occasione per far rafforzare nel nostro Paese la cultura del volontariato e far crescere nei giovani la consapevolezza che dedicare tempo ed energie per aiutare gli altri è un valore universale da coltivare».

«La rete dei Csv favorirà in ogni modo la partecipazione, non solo simbolica, a quest’anno ricco di eventi – ha detto invece Stefano Tabò, presidente di Csv.net – Tutto il volontariato italiano si stringe attorno a Padova: questa è un’occasione unica per trasmettere in Europa i suoi valori, la sua storia e la sua identità».

Storie, immagini e musica si alterneranno durante la cerimonia. Le testimonianze dei volontari saranno inframezzate da momenti di spettacolo con Lella Costa, Lorenzo Baglioni, Luca Bassanese, Tiziana di Masi e Andrea Pennacchi. A eseguire l’inno d’Italia, alla presenza del presidente Mattarella, sarà l’orchestra giovanile “I polli(ci)ni” con il coro Tre Pini. Alla cerimonia di apertura seguirà un ricco programma di appuntamenti costruiti in collaborazione con le realtà nazionali e locali, che animeranno la città fino a sabato 8 febbraio; il programma completo su www.padovaevcapital.it

pubblicita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: