Belluno °C

sabato 15 Agosto 2020,

Carabinieri, da domani nel Bellunese la grande operazione “State a casa”

Un capillare servizio di controllo del territorio battendo a tappeto la viabilità primaria e secondaria, sfruttando anche l’ausilio degli elicotteri.

Nella volontà di dare piena attuazione alle recenti disposizioni tese a contrastare la diffusione del virus Covid-19, a partire da domani, venerdì 13 marzo, e per tutto il week-and, il Comando provinciale dei Carabinieri, sotto il coordinamento della Prefettura e in piena collaborazione con le altre Forze di Polizia, realizzerà un capillare servizio di controllo del territorio provinciale battendo a tappeto la viabilità primaria e secondaria, sfruttando anche l’ausilio degli elicotteri del 14° Elinucleo Carabinieri. L’attività che inizierà alle prime luci dell’alba, si protrarrà per le 72 ore successive e avrà come scopo primario l’attuazione di un dispositivo di sicurezza teso a intercettare tutti i contravventori delle disposizioni appena emanate, applicando le sanzioni previste.

Non verrà tralasciato nulla, spiegano i dirigenti dell’Arma. Ci saranno pattuglie di Carabinieri Rocciatori per il controllo di rifugi, malghe e luoghi impervi ove si potrebbe pensare di trascorrere il fine settimana lontani dalle proprie abituali residenze. Anche le strade secondarie e gli accessi alla Provincia meno frequentati (passo San Boldo – passo Sant’Osvaldo – Passo loc. Forcelletto di Seren del Grappa) saranno oggetto di specifici controlli

L’azione che verrà messa in campo, che potrà contare su circa 140 pattuglie dell’Arma territoriale, nonché sul supporto di un Team con prerogative di antiterrorismo e di 2 Squadre operative speciali, che sono altamente specializzate nei controlli urbani e in ambienti rurali, ha le potenzialità per intercettare buona parte dei trasgressori al Dpcm del 12 marzo 2020 che ha ribadito la necessità di stare a casa, inibendo moltissime attività e chiudendo tutti gli esercizi di ristorazione ed alberghiera e buna parte delle attività di commercio, fatte salve quelle che si occupano della vendita di beni e servizi primari.

L’intera attività – concludono i Carabinieri – è tesa ad indurre i cittadini a stare a casa, piuttosto che fuori dai propri domicili/residenze in spregio del bene comune.

pubblicita

8 commenti

  • Mi chiedo esattamente quale pericolo per la collettività potrei essere nel trascorrere la mia giornata in una luogo lontano dai centri abitati e da altre persone con cui potrei venire in contatto.

  • È necessario, noi sappiamo tutti, io lavoro come OSS, e devo fare il pieno. Sarò bloccata?

  • Mia moglie che deve andare ad assistere sua madre invalida al 100×100 da Pieve di Cadore a Cortina cosa fa scava un tunnel come le talpe.

    • Per assistere gli anziani non c’è problema. Occorre compilare una autocertificazione se ti fermano, con la quale puoi spostarti

  • E io devo andare comunque al lavoro…

  • Vi ringrazio per le informazioni che date a tutta la nostra provincia . Un supporto molto valido sopratutto ai nostri anziani. Ora anche in questo modo è in questo momento delicato ci date la situazione nel nostro bellunese, grazie.

  • Non ci sono limitazioni per chi lavora che io sappia

  • Ma si può andar in montagna a passeggio solitario?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: