Belluno °C

domenica 27 Settembre 2020,

Belluno, alloggi comunali per le persone in dimissione dagli ospedali

Questi pazienti, dopo il ricovero per Covid-19, per ragioni di sicurezza non possono però fare subito rientro nelle proprie abitazioni. Il Comune di Belluno ha inoltre concesso in comodato d'uso gratuito un immobile alla Caritas, dove potranno essere accolte le persone senza fissa dimora.

Ascolta l'audio dell'articolo:

Ti piace come ti informiamo? Sostienici, abbonati all’Amico del Popolo. Ecco come: Abbonamenti.

In queste settimane di emergenza coronavirus si parla sempre delle persone ricoverate in ospedale e di coloro che si trovano in isolamento domiciliare. Ma chi è in fase di dimissione dalle strutture ospedaliere? Prefettura, Comuni e Ulss 1 Dolomiti stanno lavorando congiuntamente in questi giorni per trovare alloggi dove poter ospitare le persone già ricoverate per Covid-19, ora dichiarate guarite e che quindi possono essere dimessi dagli ospedali. Questi pazienti, dopo il ricovero, per ragioni di sicurezza non possono però fare subito rientro nelle proprie abitazioni e, con le strutture ricettive chiuse, per le persone in convalescenza è difficile trovare una sistemazione.

Per questo, il Comune di Belluno ha già individuato e messo a disposizione dell’azienda sanitaria alcuni alloggi da destinare proprio a questo scopo. «Come sta avvenendo anche in altre città italiane, stiamo cercando posti capienti dove poter accogliere i cittadini dimessi dall’ospedale», spiega il sindaco, Jacopo Massaro. «È necessario però intervenire con urgenza, altrimenti ci troveremo costretti a far trascorrere a queste persone la convalescenza in ospedale, aumentando il carico di lavoro e di occupazione dei reparti: per questo, abbiamo già informato l’Ulss della disponibilità di alcune abitazioni di proprietà comunale dove poter accogliere i pazienti dimissionari, anche non necessariamente residenti nel comune di Belluno».

Il Comune di Belluno ha inoltre concesso in comodato d’uso gratuito un immobile alla Caritas, dove potranno essere accolte le persone senza fissa dimora: «Viste le complicazioni nel far rispettare gli spazi interpersonali nelle strutture già utilizzate dalla Caritas, abbiamo dato la disponibilità di questi spazi dove troveranno spazio sei posti letto così da poter distribuire meglio gli ospiti che abbiano necessità di un riparo», conclude Massaro.

pubblicita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: