Belluno °C

mercoledì 12 Agosto 2020,

Lupi, serve una gestione sostenibile e intelligente

Augusto Guerriero, vicepresidente di Confindustria Belluno Dolomiti: «Gli allevatori e gli agricoltori sono i primi custodi del territorio: vanno sostenuti».

«L’allarme lanciato da molti allevatori del territorio va ascoltato a tutti i livelli istituzionali. La presenza del lupo va gestita in modo sostenibile e intelligente senza pregiudizi ideologici e fondamentalismi. Si studi un piano mirato di contenimento e adeguati risarcimenti». A dirlo è Augusto Guerriero, vicepresidente di Confindustria Belluno Dolomiti con delega al territorio e alla sostenibilità nonché presidente di Lattebusche.

«Nell’affrontare la questione serve realismo e attenzione nei confronti degli imprenditori che operano in montagna, soprattutto per gli allevatori e agricoltori che sono i veri custodi del territorio», rimarca Guerriero.
«La presenza del lupo non deve e non può mettere in pericolo le attività dell’uomo, questo è un punto fondamentale».

«Già viviamo in un territorio difficile, già la zootecnia in montagna è più difficile che altrove, già stiamo attraversando un periodo nero causa Covid, non possiamo sopportare anche questo rischio, che rappresenta un serio danno economico. Pensiamo solo ai costi dei sistemi di prevenzione o a quelli per l’abbattimento, spesso di centinaia di euro a capo».

«Bisogna quindi intervenire con un programma di contenimento e piani di risarcimento, seri e veloci. Le istituzioni, da quelle provinciali a quelle europee, devono garantire la sicurezza delle imprese e del settore primario».

pubblicita

1 commento

  • Caro Presidente, non è che con il suo discorso e’ stata inventata l’acqua calda. Le foreste dovrebbe essere territorio degli animali selvatici e le popolazioni dovevano sorgere intorno ad un campanile ed invece anche i montagna si è costruito dappertutto e pertanto sottraendo il territorio agli animali selvatici. Ma certo che la Regione deve risarcire coloro che subiscono danni come i malgari e simili ma prima di parlare di abbattimento sarebbe meglio parlare di come garantire la sicurezza alle attività per mezzo di cani da pastore, recinzioni ed altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: