Belluno °C

venerdì 14 Maggio 2021,

Occhialeria, accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro

Per la parte economica, l’accordo fissa un aumento dei minimi contrattuali a regime di 70 euro lordi medi, con una prima tranche di 30 euro da luglio 2021 e una seconda tranche di 40 euro da gennaio 2022.

Il 4 dicembre Anfao e le organizzazioni sindacali nazionali di categoria Femca-Cisl, Filctem-Cgil e Uiltec-Uil hanno raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro del settore dell’occhialeria che era scaduto il 31 dicembre 2018 ed è applicato a circa 18.000 addetti su tutto il territorio nazionale. La trattativa, che si era aperta lo scorso anno, è stata lungamente interrotta a causa dell’emergenza sanitaria, è ripresa in settembre e ora è giunta a conclusione con un accordo che decorre dal 1° gennaio 2019 e avrà durata quadriennale fino al 31 dicembre 2022.

L’accordo prevede per la parte normativa alcune innovazioni che riguardano, in particolare:

  • il rinnovato impegno delle parti a dare attuazione alle iniziative comuni in materia di relazioni industriali e sindacali ed enti bilaterali;
  • l’ampliamento della flessibilità in entrata, con l’aumento delle quote contrattuali per la stipula di contratti a termine e in somministrazione;
  • l’ampliamento del diritto allo studio, in particolare per gli studenti universitari;
  • l’impegno delle aziende nel riconoscimento della professionalità;
  • il potenziamento del welfare contrattuale, sia per la previdenza complementare che per l’assistenza sanitaria integrativa.

Per la parte economica, l’accordo fissa un aumento dei minimi contrattuali a regime di 70 euro lordi medi, con una prima tranche di 30 euro da luglio 2021 e una seconda tranche di 40 euro da gennaio 2022.
In considerazione della crisi del settore in atto, non sono stati previsti incrementi economici, e quindi costi per le imprese, per due anni e mezzo, dal 1° gennaio 2019 al 30 giugno 2021.

«Si tratta di un accordo raggiunto in un momento di gravissima crisi del settore dovuta alle conseguenze, su scala globale, dell’emergenza sanitaria Covid-19. Tale crisi, che ha segnato tutto il corrente anno 2020 e che prevedibilmente avrà ancora pesanti riflessi almeno sul prossimo anno 2021, presenta gravi preoccupazioni per la stessa tenuta del settore e conseguentemente per l’occupazione. Ma la responsabilità, pur in momento così difficile, ha prevalso e ha permesso di raggiungere un accordo che definirei appunto di responsabilità», ha dichiarato il presidente di Anfao, Giovanni Vitaloni, congiuntamente con la presidente della Commissione sindacale, Lorraine Berton.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: