Belluno °C

domenica 24 Ottobre 2021,

Possibili le domande per il contributo regionale “Buono Libri”

Il Buono si riferisce all’acquisto di libri di testo e di altri contenuti didattici indicati dalle scuole per l’anno scolastico 2021-2022.

La Regione Veneto ha approvato il bando per la concessione del contributo regionale “Buono Libri” per le spese riferite all’acquisto di libri di testo e contenuti didattici alternativi, indicati dalle Istituzioni scolastiche e formative nell’ambito dei programmi di studio da svolgere presso le medesime, che il richiedente ha già sostenuto o che si è impegnato a sostenere, in caso di prenotazione dei libri, nell’anno scolastico-formativo 2021-2022.

Possono essere acquistati libri di testo e ogni altro tipo di elaborato didattico (per esempio: dispense, ricerche, programmi costruiti specificamente), scelti dalla scuola, ausili indispensabili alla didattica (per esempio audio-libri per non vedenti); i libri, gli elaborati e gli ausili possono essere predisposti da qualsiasi soggetto pubblico o privato, compresi i docenti, in formato cartaceo, digitale o in ogni altro tipo di formato.

Sono escluse le spese per l’acquisto dei dizionari, degli strumenti musicali, del materiale scolastico e delle dotazioni tecnologiche (cancelleria, calcolatrici, stecche, personal computer, tablet, telefoni cellulari ecc.).

La domanda può essere presentata dalle famiglie degli studenti residenti nella Regione Veneto che abbiano il seguente Isee 2021:

  • da € 0 a € 10.632,94 (Fascia 1) – contributo massimo concedibile € 200,00;
  • da € 10.632,95 a € 18.000,00 (Fascia 2) – contributo massimo concedibile € 150,00.

Al fine dei controlli, la documentazione della spesa deve essere conservata per 5 anni dalla data di ricevimento del pagamento del contributo.

La richiesta va presentata via web da oggi, giovedì 16 settembre, fino alle ore 12 del prossimo 22 ottobre accedendo alla pagina Internet: http.//www.regione.veneto.it/istruzione/buonolibriweb, seguendo le istruzioni nella parte riservata al “richiedente”.
Attenzione! L’accesso dovrà essere fatto con SPID (Sistema Unico d’Identità Digitale), CIE (Carta d’Identità Elettronica) e CNS (Carta Nazionale dei Servizi).
Una volta inviata la domanda via web, occorrerà stamparla e consegnarla al proprio Comune al quale ci si può rivolgere per ulteriori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: