Belluno °C

domenica 24 Ottobre 2021,

“Oltre le vette”, ultimo fine settimana di grandi appuntamenti

Si inizierà sabato mattina alle 9.30 al Teatro comunale con un evento organizzato in collaborazione con la Fondazione Giovanni Angelini – Centro studi sulla montagna.

La rassegna bellunese “Oltre le vette”, dopo tante giornate ricche di eventi e di pubblico, entra nel suo ultimo fine settimana, anche se è previsto un’importante sequel domenica 24 ottobre. Il Teatro comunale, la sala Bianchi, villa Buzzati San Pellegrino e altri luoghi hanno visto l’afflusso di spettatori provenienti dalla città e dall’intera provincia, oltre che dalle zone vicine. E si preparano ad accoglierli nuovamente per un weekend in cui, in sole 48 ore, si svolgeranno ben 9 eventi.

Anche questo sabato e domenica “Oltre le vette” presenta un calendario pieno di opportunità. Si inizierà sabato mattina alle 9.30 al Teatro comunale con un evento organizzato in collaborazione con la Fondazione Giovanni Angelini – Centro studi sulla montagna. Sarà presentato il progetto di ricerca “Montagna è salute, montagna è benessere”, a cura di Andrea Ermolao, con Nicola Borasio e Marco Vecchiato, dell’Università di Padova. Verranno esposti i benefici derivanti dal vivere e praticare esercizio fisico in montagna e illustrato un progetto per favorire la frequentazione sicura e consapevole dei sentieri. A seguire sarà presentato il master in Prevenzione ed emergenza in territorio montano e d’alta quota a cura di Marco Dal Pont, del Servizio professioni sanitarie della sede di Feltre dell’Università di Padova, con la partecipazione di Giulio Trillò, direttore Suem 118.

Molto atteso l’appuntamento delle 11 a Palazzo Fulcis, quando saranno premiati i vincitori del concorso “Per Grazia Ricevuta – Concorso d’arte per esorcizzare un’epidemia”. La giuria ha individuato tra le 58 opere ammesse alla fase finale i vincitori dei premi e gli autori delle opere segnalate, compito non facile, vista la notevole qualità artistica e tecnica dei lavori presentati. La cittadinanza avrà invece tempo fino al 1° novembre per visitare la mostra e votare l’opera preferita, contribuendo così all’assegnazione del premio del
pubblico.

Alle 15 al b&b Garibaldi, in via Garibaldi 95 a Belluno, sarà possibile effettuare la visita guidata della mostra “Cantami o Schiara… – Sguardi e parole” di poeti alpinisti, a cura di Gianpaolo Sani e Franco Bristot, un breve viaggio nei ricordi tra frasi, oggetti e immagini per una storia dell’alpinismo sulla grande montagna dei Bellunesi. L’evento è organizzato in collaborazione con Alpinia Itinera e si può prenotare telefonando ai numeri 333 8668891 e 338 1713073. Alle 18 in Sala “Bianchi” sarà presentato il libro “Dolomiti, la prima scoperta – Uomini che hanno fatto la storia della geologia tra Südtirol e Alpi Venete” di Maurizio Alfieri, Fondazione Giovanni Angelini editore. Il volume illustra l’operato degli studiosi che nei secoli XVIII e XIX visitarono il Bellunese, allora diviso tra Sudtirolo e le cosiddette Alpi Venete, quelli che, a parere dell’autore, sono i primi scopritori delle Dolomiti. Una narrazione affascinante e coinvolgente per ogni frequentatore delle montagne. Interviene Guido Roghi (Istituto di Geoscienze e Georisorse – Cnr).

Sabato si concluderà con una serata di grande richiamo con inizio alle 21 al Teatro comunale, dove l’esploratore Max Calderan presenterà “Il figlio del deserto”, il racconto per immagini delle sue avventure nei luoghi più difficili del pianeta. Esploratore, viaggiatore di terre desolate e, soprattutto, corridore negli spazi desertici più ostili dell’Africa e dell’Asia, con record di lunghezza, di resistenza, di durata, oggi Max Calderan porta queste sue esperienze estreme nelle università e nelle aziende, come dimostrazione del rapporto con i propri limiti fisici e psichici. La serata è organizzata in collaborazione con Montura.

Domenica 17 ottobre alle 11 a Villa Buzzati, San Pellegrino (in caso di maltempo, l’incontro si terrà in Sala “Bianchi”) sarà presentato il libro “In quella calda estate – Un amore nelle guerre napoleoniche”, di Rita Da Pont, Cierre editore. Il romanzo, basato su accurate ricerche sui documenti storici, intreccia le vicende della grande storia con le questioni locali. L’amore tra l’ufficiale Dominique e la nobildonna Elisabetta dovrà fare i conti con i dubbi e le inquietudini che, attraverso la magia della letteratura, rendono sempre attuali
gli avvenimenti narrati. Interviene Filiberto Agostini, letture di Paola Bettiol. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione culturale Villa Buzzati S. Pellegrino – Il Granaio.

Il mondo del volontariato dell’intera provincia di Belluno si ritroverà alle 16.30 al Teatro comunale per la prima visione assoluta del docu-film “CuorinMano” di Roberto Bristot, prodotto da Laboratorio Inquadrati. Csv Belluno-Treviso e Comitato d’Intesa presentano infatti il film che dà voce al mondo del volontariato bellunese attraverso un viaggio nelle otto vallate della provincia, il racconto dei volontari che operano nei diversi settori e le immagini inedite di montagne e valli. È previsto l’intervento di rappresentanti delle
istituzioni e del volontariato tra i quali Giorgio Zampieri, Premio San Martino 2020.

Ancora un libro in programma per le 18 nel collaudato contenitore di Sala “Bianchi”. Sarà infatti presentato “La montagna di Quentin – Immaginari e regole di una montagna confinaria”, di Vincenzo Agostini, Meltemi editore. In questo recente volume Agostini esplora il contributo alla creazione della moderna idea di montagna di alcuni grandi autori e registi del Novecento, da Arnold Fanck a Leni Riefensthal, da Luis Trenker a Gustav Mahler e Susan Sontag, fino a Quentin Tarantino e il suo film Bastardi senza gloria. L’autore
dialoga con Diego Cason.

La serata conclusiva di “Oltre le vette 2021” sarà condotta da Guido Beretta e si terrà, come da consuetudine, al Teatro comunale alle 21. È in programma la proiezione del film di Manrico Dell’Agnola “Immenso Blu”, con
interventi musicali dal vivo di Marco Crivellaro (pianoforte) e Enrica Bacchia (voce). Il conosciutissimo fotografo e alpinista Manrico Dell’Agnola presenta il suo ultimo lavoro, un film su una spedizione alpinistica e scientifica in Antartide, con spettacolari immagini di navigazione a vela tra gli iceberg e di scalata sulle cime antartiche. Con Dell’Agnola gli alpinisti Gian Luca Cavalli e Marcello Sanguineti, come lui alla prima esperienza di navigazione tra i ghiacci. Il film è recentemente stato premiato al Swiss Mountain Film Festival e selezionato al Sestriere Film Festival. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Associazione culturale Villa Buzzati S. Pellegrino – Il granaio.

“Oltre le vette” ha in calendario alcuni appuntamenti anche domenica 24 ottobre, tra cui, attesissimo, quello con l’alpinista Hans Kammerlander, forse l’unico grande scalatore della fine del secolo scorso e inizio del millennio non ancora salito sul palco del Teatro Comunale. Tutti gli eventi di Oltre le vette sono a ingresso gratuito, con l’invito a partecipare economicamente alla realizzazione della rassegna con una libera donazione in cambio della quale sarà consegnato un piccolo gadget. È però necessaria la prenotazione sul sito www.oltrelevette.it o, solo nel caso di posti disponibili, recandosi di persona sul luogo dell’appuntamento mezz’ora prima dell’inizio. In ogni caso per l’accesso sono rispettate le norme sul Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: