Belluno °C

mercoledì 19 Gennaio 2022,

Calcio, la Dolomiti Bellunesi attende il Campodarsego

Il presidente De Cian: «C’è entusiasmo per questa squadra, incrementiamolo con una vittoria».

Due squadre allo specchio nel campionato di serie D di calcio: stessi punti, stesso piazzamento, stesso numero di successi, pareggi e sconfitte. Insomma, quello tra Dolomiti Bellunesi e Campodarsego è uno scontro diretto a tutti gli effetti. Uno scontro fra le quarte della classe, anche se i padovani sono reduci da un rovescio casalingo contro il Montebelluna, mentre i ragazzi di mister Renato Lauria hanno infilato una striscia di tre risultati utili, arricchita da due colpi in trasferta. E intendono prolungare il loro momento positivo.

Si gioca domani (domenica 31, alle ore 14.30), al polisportivo di Belluno: l’arbitro designato per l’incontro è Gianmarco Vailati di Crema.

Come è nel suo stile, il presidente dolomitico, Paolo De Cian, non usa troppi giri di parole e va dritto al sodo: «Vogliamo vincere. Per noi stessi, per la nostra classifica, ma soprattutto per la gente. Percepisco un grande entusiasmo per questa squadra. Entusiasmo che però va incrementato. E lo si può fare solo in un modo: vincendo. Se lo meriterebbero le tante persone che ci seguono».

La Dolomiti Bellunesi è a un soffio dalla zona podio e, nella graduatoria dei “Giovani D valore”, si trova in terza posizione: «Nel complesso – prosegue il massimo dirigente – siamo molto contenti. Ma non possiamo permetterci di incassare tutte queste reti: è necessario alzare il livello di attenzione e di concentrazione. Qui non si tratta di moduli, aspetti tattici o sistemi di gioco: ogni atleta deve rimanere sul pezzo dal primo all’ultimo minuto».

Contro il Campodarsego non sarà facile, anzi: «Ci aspetta una partita dura, lo sappiamo. I nostri avversari hanno una fase offensiva di valore, ma ce la possiamo giocare ad armi pari. Abbiamo i giusti stimoli giusti: ripeto, dobbiamo portare a casa i tre punti».

Impossibile non soffermarsi su capitan Simone Corbanese, attuale re dei bomber e reduce da una tripletta rifilata al San Martino Speme: «Lo conoscevo solo di “fama” – conclude il presidente De Cian – e ora che ho il privilegio di vederlo in allenamento e in partita, sono ammirato. Simone è una splendida persona, oltre che un grande attaccante. Rappresenta un esempio: spero continui così fino al termine del campionato. Ma è l’intero gruppo a meritare un plauso: questa è una squadra che dà l’anima».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: