Belluno °C

domenica 25 Settembre 2022,

Pieve, inaugurata la nuova base per gli elicotteri del Suem 118

Realizzata con un investimento di 3 milioni 123 mila euro, è una delle basi elicotteristiche più avanzate d’Italia per il decollo e l’atterraggio degli elicotteri che fanno il servizio in emergenza-urgenza.

Viene indicata col nome “Base HEMS” (Helicopter Emergency Medical Service), è stata realizzata con un investimento di 3 milioni 123 mila euro ed è una delle basi elicotteristiche più avanzate d’Italia per il decollo e l’atterraggio degli elicotteri del Suem 118 che fanno il servizio in emergenza-urgenza. Stiamo parlando della struttura che ha sede presso l’ospedale di Pieve di Cadore e che è stata inaugurata oggi, giovedì 4 agosto, dal presidente della Regione del Veneto, accompagnato dalla direttrice generale dell’Ulss Dolomiti, dal vescovo, dal sindaco di Pieve di Cadore e da numerose altre autorità.

La base è stata dedicata ad Angelo Costola, storico primario del Suem 118 in provincia di a Belluno, scomparso nel 2015 e ancora oggi ricordato come tenace sostenitore del servizio di elisoccorso, che contribuì ad avviare nel Bellunese nel 1998.

«È una base praticamente unica nel suo genere – ha detto il presidente della Regione, Luca Zaia, – perché l’abbiamo realizzata nell’ottica di un Hub di riferimento, con la possibile operatività di 2 elicotteri. Una base di questo genere non si trova facilmente in giro per l’Italia. Ora riusciremo a partire con l’addestramento degli equipaggi per il volo notturno e a volare di notte entro 4 o 5 mesi. Siamo riusciti a realizzare un’opera tra mille difficoltà a cominciare dalla burocrazia. L’eliporto è giustamente dedicato ad Angelo Costola, una figura iconica dell’urgenza-emergenza, che fu tra i primi a intuire che bisognava portare le cure dall’infortunato e non viceversa».

I lavori per questa imponente struttura sono iniziati a fine agosto 2020 e sono stati ultimati in meno di due anni, nonostante sospensioni legate a eventi climatici, al Covid e alle difficoltà di approvvigionamento delle materie prime.

La nuova Base HEMS di Pieve di Cadore per l’elisoccorso rappresenta un’importante evoluzione rispetto alla piazzola utilizzata in precedenza. La struttura è composta da una superficie sopraelevata che accoglie un’area di atterraggio e decollo e una piazzola di sosta. Questo consente la presenza in contemporanea di due aeromobili e permette l’approdo di un elisoccorso anche se l’elicottero Falco è presente in base.

Area di atterraggio e decollo, piazzola di sosta e rampa di accesso sono riscaldate per essere utilizzabili anche nella stagione invernale. La piazzola costruita in terrazza è omologata per elicotteri fino alle 9 tonnellate di peso massimo al decollo. Consente, quindi, l’atterraggio anche di elisoccorsi che operano con aeromobili diversi da Falco.

La nuova Base HEMS, omologata ora come eliporto, consente la piena operatività e prevede 2 distinti sentieri di avvicinamento studiati in modo da garantire la massima sicurezza nelle operazioni di volo. Essa dispone anche di un nuovo hangar, sempre in sopraelevazione e in continuità con la piattaforma, di dimensioni tali da poter accogliere in caso di necessità due elicotteri per ricovero o manutenzione.

La struttura sopraelevata consente di conservare gli spazi e la viabilità precedenti, con una ridistribuzione e razionalizzazione dei percorsi interni e degli stalli del parcheggio dedicati sia ai mezzi Suem e Ulss, sia all’utenza. Il sistema antincendio è integrato e telecomandato. Il nuovo serbatoio per il carburante ha una capienza di diecimila litri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: