Belluno °C

domenica 5 Febbraio 2023,

Martedì 24 tempo ancora perturbato e limite neve in rialzo

Temperature in generale lievissimo aumento, specie le minime a tutte le quote

Il Centro Valanghe Arpav di Arabba prevede per martedì 24 gennaio tempo ancora perturbato con cielo coperto fino a sera e fenomeni continui e diffusi, seppur in attenuazione rispetto a lunedì. L’avvezione di aria meno fredda persisterà confinando l’inverno e la neve spesso oltre i 1000-1100 m. Probabilità molto alta di precipitazioni ancora diffuse di debole intensità, solo a tratti moderate nella prima parte del giorno. Il limite neve oscillerà tra i 700 e 900 m, localmente più alto nei settori più aperti delle Prealpi al pomeriggio. I nuovi apporti saranno di 5-10 mm, localmente meno in alcuni fondovalle, con altrettanti cm di neve oltre i 1200-1400 m, minori spessori sotto tali quote per contributo neve umida o pioggia. Temperature in generale lievissimo aumento, specie le minime a tutte le quote. Debole escursione termica tra il giorno e la notte. Venti nelle valli deboli di direzione variabile, salvo qualche rinforzo per shallow Foehn; in alta montagna moderati da est sud-est al mattino, in rinforzo fino a tesi da nord-est al pomeriggio, a tratti forti sulle cime dolomitiche più alte e sulle creste prealpine.

Mercoledì 25 ancora cielo molto nuvoloso al mattino, anche per nubi basse stratiformi in molte valli, con modesti fenomeni sparsi. Al pomeriggio schiarite sulle Dolomiti, lo stesso accadrà sulle Prealpi in maniera più tardiva e non ovunque, in quanto l’ingresso di aria più fredda nei bassi strati potrebbe favorire la permanenza di nubi basse in alcune valli prealpine. Residue precipitazioni tra la notte e il primo mattino, nevose oltre i 700-900 m. Fenomeni in esaurimento al pomeriggio, salvo qualche residuo fiocco sulle cime. Temperature senza notevoli variazioni, eccetto lievissimo rialzo delle massime in quota, ma non nelle valli dove le stesse saranno stazionarie, con debole escursione termica giornaliera. Venti nelle valli deboli di direzione variabile, salvo qualche rinforzo di tipo erratico; in quota moderati dai quadranti orientali, a tratti tesi tra la notte e il primo mattino, in seguito in attenuazione.

Giovedì 26 sulle Dolomiti sole e qualche annuvolamento medio-alto; sulle Prealpi minore chance di soleggiamento per nubi basse stratiformi, anche estese, e solo le cime più alte potrebbero emergere sopra tale mare. Temperature in generale calo, specie le minime nei settori interessati da schiarite notturne. Venti deboli/moderati da nord-est in quota; deboli di direzione variabile nelle valli, salvo qualche locale rinforzo erratico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: