Belluno °C

sabato 20 Luglio 2024,

Radioamatori del Cadore a sostegno della radio in montagna

Incontro con il sindaco di Pieve di Cadore in vista del 13 febbraio, Giornata mondiale della radio promossa dall’Unesco (nella foto il sindaco Giuseppe Casagrande e due rappresentanti della sezione ARI “Cadore”).

Il 13 febbraio è la Giornata mondiale della radio, proclamata nel 2011 dagli Stati membri dell’Unesco e adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2012. Il 13 febbraio l’Unesco e tutte le radio del mondo si impegnano a garantire che la radio continui ad evolvere, innovare, connettere. Anche i radioamatori della sezione ARI “Cadore” hanno voluto sottolineare il 13 febbraio di quest’anno promuovendo un incontro col sindaco di Pieve di Cadore, Giuseppe Casagrande, per parlare della radio in montagna, dei radioamatori e della sezione “Cadore” alla quale aderiscono appassionati da molti dei paesi cadorini.

La radio, che sia usata per allestire comunicazioni di emergenza, che sia vista nella sua portata comunicativa di massa o che sia utilizzata a scopi radioamatoriali rimane oggi un mezzo di comunicazione vivo ed attuale perché, mentre il mondo cambia, la radio evolve con nuove tecnologie e si adatta alle nuove abitudini di vita (senza contare che nell’ambito amatoriale la radio è sempre stata uno strumento di fratellanza e uguaglianza tra le persone di popoli e nazioni diversi).

La delegazione della sezione cadorina di radioamatori ha parlato col sindaco di Pieve dell’uso della radio, della collaborazione della sezione con le realtà sociali del territorio, della possibilità in caso di emergenza di raccogliere operatori da gran parte del territorio cadorino. Infine ha offerto un breve esempio di comunicazione attraverso un ponte ripetitore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d