Belluno °C

sabato 20 Aprile 2024,

La Casa di Papa Luciani è ristrutturata, l’inaugurazione sabato 23

A Canale d’Agordo sarà conferita la cittadinanza onoraria al cardinale Beniamino Stella.

«Siamo davvero felici e orgogliosi di poter collaborare all’inaugurazione della casa natale di papa Luciani, donata dal signor Cardinale Beniamino Stella alla Diocesi di Vittorio Veneto, che l’ha ristrutturata con impegno e dedizione, con il sostegno anche del Patriarcato di Venezia, della Cei e del Comune di Canale d’Agordo, che ha eseguito i lavori antistanti l’edificio, di don Domenico Salvador, della diocesi di Vittorio Veneto, e di altri benefattori», afferma Loris Serafini, direttore del Museo Albino Luciani di Canale d’Agordo introducendo l’evento in programma sabato 23 aprile. «È una gioia, in questa occasione, partecipare alla donazione della nuova statua raffigurante papa Luciani eseguita dal maestro Carlo Balljana e sponsorizzata dal signor Remo Mosole e al conferimento della Cittadinanza onoraria di Canale d’Agordo al signor Cardinale Beniamino Stella, che ha personalmente acquistato l’edificio e lo ha donato alla diocesi vittoriese, rendendolo quindi disponibile a pellegrini e visitatori. Ringraziamo di cuore il signor Cardinale Beniamino Stella, il vescovo mons. Corrado Pizziolo, il patriarca di Venezia mons. Francesco Moraglia, la CEI, il Sindaco di Canale d’Agordo Flavio Colcergnan, che hanno reso possibile questo importante recupero, il maestro Carlo Balljana e il signor Remo Mosole».

L’inaugurazione di sabato 23 sarà seguita dalla ricca serie di appuntamenti programmati per la 44ª edizione dell’annuale Appuntamento estivo con papa Luciani. «Il 2022 è infatti un anno molto importante per noi», aggiunge Serafini, «e questo appuntamento segna l’inizio di un lungo cammino che faremo assieme verso il 4 settembre, il giorno della beatificazione di papa Luciani». Nell’accoglienza dei pellegrini e nell’organizzazione degli eventi, la Fondazione collabora con la Diocesi di Belluno-Feltre nella persona del vescovo Renato Marangoni, con la parrocchia di San Giovanni Battista e l’arciprete don Vito De Vido, con l’Associazione Pro Loco di Canale d’Agordo rappresentata dal signor Vigilio Costa e con Promofalcade sotto la guida di Renzo Minella.

Sabato 23 aprile, dunque, si terrà la cerimonia ufficiale di inaugurazione della casa natale di papa Luciani dopo i lavori di ristrutturazione iniziati nel 2019, quando l’edificio venne acquistato dalla Diocesi di Vittorio Veneto (Treviso) grazie alla donazione del cardinale Beniamino Stella. Poi fu affidato alla gestione della Fondazione Papa Luciani di Canale d’Agordo Onlus. Gli interventi hanno interessato il rinnovo dell’impianto elettrico e idraulico, il rafforzamento dei solai, dei balconi e del tetto, il rifacimento degli steccati perimetrali del giardino, nonché il completo restauro della soffitta, ora adibita a nuova sala conferenze e video con annessi servizi.

La giornata prenderà il via alle ore 10 nella chiesa parrocchiale con un saluto da parte del vescovo di Belluno-Feltre Renato Marangoni e una introduzione di Corrado Pizziolovescovo di Vittorio Veneto, al quale seguiranno gli interventi del cardinal Beniamino Stella, postulatore della causa di beatificazione; monsignor Francesco Moraglia patriarca di Venezia; Flavio Colcergnan sindaco di Canale d’Agordo; Gloria Manera architetto responsabile della direzione lavori e Loris Serafini, direttore del Musal. Modererà l’incontro don Mirco Miotto, referente diocesano per la Casa natale di papa Luciani. Nell’occasione inoltre il comune di Canale d’Agordo conferirà la cittadinanza onoraria al cardinal Stella.

In seguito ci si sposterà presso la casa natale di papa Luciani dove, alle ore 11.15, si terrà la benedizione dei lavori di restauro e verrà inaugurata la statua in bronzo dedicata a Papa Luciani, donata dallo scultore trevigiano Carlo Balljana grazie al contributo del signor Remo Mosole al Comune di Canale d’Agordo. «L’opera», sottolinea Loris Serafini, «rappresenta papa Luciani assieme alla ragazza che, grazie all’intercessione del prossimo beato, guarì miracolosamente da una forma grave di malattia nel 2011 a Buenos Aires».

Dal 1° aprile il Musal Museo Albino Luciani (www.musal.it) è aperto ogni venerdì, sabato e domenica con orario 9-12 e 15-18: l’accesso è consentito a tutti con mascherine chirurgiche. Per gruppi è gradita la prenotazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d