Belluno °C

sabato 20 Aprile 2024,

Aperto il 70° del Centro per la Formazione e la Sicurezza di Belluno

Al Teatro Comunale di Belluno è intervenuto il professor Paolo Crepet al quale alcuni ragazzi della scuola edile di Sedico hanno regalato anche un caschetto protettivo da cantiere con serigrafato il nome.

«Il miglior futuro per loro: la formazione necessaria per i giovani», è il titolo dell’incontro proposto nella serata di ieri, venerdì 27 gennaio, al Teatro Comunale di Belluno dal Centro per la Formazione e la Sicurezza quale evento di apertura delle iniziative in programma per celebrare i propri 70 anni di attività.
Protagonista della serata il professor Paolo Crepet, psichiatra, educatore e sociologo, chiamato ad intervenire, per l’appunto, sui temi, particolarmente attuali, delle questioni legate alla crescita e alla formazione dei ragazzi, ai modelli educativi che la scuola è in grado di proporre oggi, alle prospettive nel mondo del lavoro di domani.

Crepet, come di consueto, non ha deluso le attese dei presenti, che hanno gremito il teatro in ogni ordine di posto. «Lasciamo liberi i nostri ragazzi di inventare il proprio futuro, seguendo le proprie passioni e inclinazioni, le tecnologie offrono oggi strumenti nuovi e straordinari, che ci consentiranno di rendere futuribili anche i mestieri e le professioni della tradizione, particolarmente ricca in questi territori; io ho grande fiducia nei nostri giovani”, ha detto tra l’altro Crepet, che ha poi invitato genitori, educatori e adulti a non volersi “sostituire” o intromettere eccessivamente nel percorso di crescita dei ragazzi.

All’inizio dell’incontro i saluti introduttivi di Massimo Riva e Igor Triches, rispettivamente presidente e direttore del CFS e della scuola edile di Sedico.
«Il numero di artigiani in età pensionabile è molto superiore rispetto a quello dei ragazzi che intraprendono la professione. Essere preparati per lavorare in cantiere, in laboratorio, in officina significa trovare oggi occupazione e gratificazioni anche economiche, ma soprattutto una propria dimensione personale e con essa appagamento e serenità. Mi rivolgo ai genitori: date fiducia alle scuole che insegnano un mestiere ai vostri figli: possono essere l’opportunità giusta per loro», ha detto tra l’altro il presidente Riva.

Al termine della serata alcuni ragazzi della scuola edile di Sedico, accompagnati dalla vicepresidente del CFS Paola Tegner, hanno consegnato all’ospite un manufatto in calcestruzzo realizzato da loro e un caschetto protettivo da cantiere con serigrafato il nome del professor Crepet, che lo ha simpaticamente indossato per una foto ricordo dell’incontro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d