Belluno °C

giovedì 30 Maggio 2024,

Terzopoulos porta “Aspettando Godot” al Comunale

Sabato 18, grazie a Belluno Miraggi (foto Johanna Weber)

Theodoros Terzopoulos, riconosciuto a livello internazionale fra i maestri del teatro contemporaneo, arriva a Belluno Miraggi in prima regionale, al Teatro comunale di Belluno, sabato 18 febbraio, alle 21 con “Aspettando Godot”, capolavoro di Samuel Beckett. Il regista greco dirige un cast d’eccezione composto da: Paolo Musio, Stefano Randisi, Enzo Vetrano, Giulio Germano Cervi e Rocco Ancarola. Una produzione Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale e Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini, in collaborazione con Attis Theatre Company.

Con una pratica che coniuga arte antica e moderna, Terzopoulos è noto per il suo originale approccio alla tragedia greca e ai testi classici, vere e proprie fonti per indagare questioni universali dell’essere umano. «Abbiamo bisogno di grandi idee, di grandi tensioni, come quelle della tragedia classica: tra umano e divino, tra uomo e uomo, tra privato e pubblico. A vincere non è la buona recitazione o la regia, ma la forza del conflitto che portano sulla scena». «Tutto deve essere profondamente radicato nella tradizione, deve poter attraversare la realtà del presente ed essere indirizzato verso il futuro. Il riflesso dal futuro probabilmente potrebbe essere la realtà che desideriamo. Una realtà nuova» ha dichiarato. In questo nuovo lavoro, l’artista greco sceglie di affrontare uno dei drammi che hanno maggiormente segnato la storia del teatro novecentesco: scritto da Beckett alla fine degli anni quaranta, pubblicato in lingua francese nel 1952 e andato in scena per la prima volta al Theatre de Babylone di Parigi il 5 gennaio 1953, Aspettando Godot è uno dei testi più celebri del “teatro dell’assurdo”, che ruota attorno al dialogo sterile fra due personaggi sospesi nella condizione dell’attesa.


Sono attive le vendite online info su www.slowmachine.org. Biglietteria: via del Piave 4 venerdì 17dalle 11 alle 13, al Teatro comunale sabato 18 dalle 11 alle 13 e dalle 19 alle 21. Contatti biglietteria@slowmachine.org, tel. 328 9252116.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d