Belluno °C

sabato 20 Aprile 2024,

Il piano strategico del Nevegal arriva in Regione: incontro a Venezia con Caner e Corazzari

L’amministrazione comunale ha portato il progetto di rilancio, potenziamento e miglioramento del Colle finalizzato ad arricchirne l’offerta sia per la stagione invernale che per quella estiva

Il piano strategico del Nevegal arriva in Regione. Nella mattinata di oggi, lunedì 13 marzo, incontro a Venezia tra il sindaco di Belluno Oscar De Pellegrin, il vicesindaco Paolo Gamba, l’assessore al Nevegal Franco Roccon e gli assessori regionali Federico Caner e Cristiano Corazzari accompagnati dai loro uffici tecnici. «Una chiacchierata positiva e che apre prospettive importanti per il nostro Colle – dichiara, a margine del tavolo, il primo cittadino di Belluno – in vista della prossima stagione estiva, dell’invernale 2023/2024 e, naturalmente, dell’appuntamento olimpico. Quello del Nevegal è un progetto strategico non solo per la provincia di Belluno, ma per tutta la regione Veneto. Potenziare la località significa dare una spinta a tutto il turismo veneto».

A Venezia l’amministrazione comunale ha portato il progetto di rilancio, potenziamento e miglioramento del Colle finalizzato ad arricchirne l’offerta sia per la stagione invernale che per quella estiva. Un piano articolato, strutturato in più azioni e di cui il rifacimento del piazzale e la realizzazione del lago artificiale con i fondi del Pnrr sono solo una parte. «Pensiamo ad una località turistica viva, operativa e affollata 365 giorni all’anno grazie alla destagionalizzazione dell’offerta a cui stiamo lavorando – prosegue il sindaco -, una località che diventa sempre più punto di riferimento per il tempo libero e lo sport delle famiglie venete, per la crescita sportiva dei bambini e per il soggiorno di adulti e anziani. Il nostro Colle ha tante potenzialità, ce lo diciamo tutti da anni: ora è tempo di mettere a terra le idee e costruire. Alla Regione abbiamo chiesto la condivisione del nostro piano, è un passo fondamentale per poter procedere».

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d