Belluno °C

lunedì 26 Febbraio 2024,

Agordo, il disco di Cassisi a sostegno dei malati di fibromialgia

Il medico reumatologo agordino ha pubblicato «Nel cassetto del cuore»

All’inizio la musica, poi vennero gli studi di medicina: Gianniantonio Cassisi, medico reumatologo agordino, la passione per le note non l’ha abbandonata mai e adesso corona il sogno di veder pubblicato un disco tutto suo. Si intitola «Nel cassetto del cuore» e si compone di 11 brani «da tenere nel cassetto del cuore», suggerisce l’autore.

Però l’altra passione, quella di stare vicino ai malati, rimane in primo piano anche quando Cassisi si dedica alla musica. E infatti il disco è di fatto un’operazione di solidarietà perché i proventi andranno all’Aisf Odv, l’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica, per sostenere le varie iniziative. Il sito internet per sapere di più sull’associazione e sulla fibromialgia è https://sindromefibromialgica.it/ e proprio dal sito è possibile acquistare (con una donazione minima di 15 euro) e scaricare le tracce del disco di Cassisi.

Gianniantonio Cassisi ha 58 anni, è nato e vive ad Agordo con la sua numerosa famiglia. Non ha mai voluto abbandonare la sua terra, con le Dolomiti fonte inesauribile di ispirazione. Da giovane ha studiato chitarra classica per 8 anni e ha ottenuto il diploma di Teoria e solfeggio nel 1982, al Conservatorio di Rovigo. Le sue prime composizioni come cantautore le ha firmate quando aveva 15 anni. Ha militato per cinque anni (1981-1986) come chitarrista e voce leader, oltre che autore, nel “mitico” gruppo «10 Hertz» di Agordo. Si è poi dedicato principalmente alla professione di medico e alla famiglia. Ma pochi anni fa ha deciso di realizzare finalmente il sogno di una vita: produrre e pubblicare un album delle sue canzoni.

«Nel cassetto del cuore» è una raccolta di dieci brani, scelti tra i tanti composti negli anni. Raccontano di emozioni, sofferenze, gioie, pensieri, idee e momenti di vita vissuta. L’ultimo brano, l’undicesimo, è un bonus che Cassisi vuole regalare ai suoi ascoltatori ma soprattutto all’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica, di cui è divenuto l’inno: «Tornerà il sole (vorrei riabbracciarti)», suonata con tre dei suoi figli, è un canto di speranza e di sguardo al futuro, come invito ad “essere vivi”, sempre e comunque.

2 commenti

  • Caro dr.GianniAntonio, non sapevo che fosse capace di tanto! Complimenti. Le sono grato dell’album pubblicato che vale più di una visita specialistica che da tanto tempo non mi riserva. Ciao

    • Carissimo, grazie mille del suo complimento per me assolutamente gradito! Spero che la visita non sia necessaria perché ora sta bene!!! Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d