Belluno °C

lunedì 26 Febbraio 2024,

«ReStart Alpago», 5 appuntamenti per stimolare la socialità

In programma fino a dicembre due cene, un concerto, un film e anche una mostra solidale.

Favorire l’aggregazione, ricucire i rapporti della comunità deterioratisi durante la pandemia, ma anche aiutare una realtà del territorio come Onda Rosa, l’associazione nata con l’obiettivo di dare un sostegno alle donne che ricevono una diagnosi di tumore alla mammella. È un mix di cultura e solidarietà la seconda edizione di «ReStart Alpago», l’iniziativa curata dai Comuni della conca alpagota e dalla Consulta Giovani Alpago, con il contributo del Consorzio Bim Piave. Cinque gli appuntamenti in programma fino a dicembre.

«La prima edizione, un anno fa, è andata benissimo, e quindi abbiamo deciso di riproporre anche quest’anno l’iniziativa», spiegano i sindaci di Tambre, Chies e Alpago, Sara Bona, Gianluca Dal Borgo e Alberto Peterle. «L’obiettivo è stimolare la socialità, perché è terapeutica per le comunità di montagna, soprattutto dopo il Covid. Quest’anno ci aggiungiamo anche un momento di riflessione sulla violenza contro le donne, il 25 novembre».

IL CALENDARIO

«ReStart Alpago» comincia già questa settimana, venerdì 17 novembre, con «La cena è servita». Un appuntamento in cui sindaci e amministratori comunali smettono la fascia tricolore e indossano per una sera il grembiule da camerieri, per servire ai tavoli. La cena – già sold out da qualche giorno – è in programma alle 19.30 al ristorante Trieste di Tambre. Sarà allietata anche da musica e karaoke.

Secondo appuntamento il 24 novembre, alle 19 al ristorante Rifugio Carota, con «Cena al buio». Il sottotitolo – «Esiste un altro modo di vedere» – è eloquente: si tratta di una gena a cura della sezione bellunese dell’Unione ciechi e ipovedenti. I commensali gusteranno le pietanze attraverso i sensi, eccezion fatta per la vista.

Sabato 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, verrà proposto il film «Inferno» del regista bellunese Franco Fontana, un thriller che parla di violenza. Appuntamento alle 17.45 nella sala polivalente di Lamosano, dove da qualche tempo un gruppo di giovani ha realizzato una panchina rossa, con la scritta «Una donna è per sempre: no alla violenza».

L’1 dicembre a Chies (al Teatro minimo), alle 21, andrà in scena il concerto della fisorchestra G. Rossini, diretta dai maestri Ernesto e Katia Bellus, con la partecipazione del soprano Anita Caco e del tenore Lamberto Bonan. A seguire, rinfresco sulle note dello zampognaro Sandro Del Duca.

Ultimo appuntamento “lungo”. Dal 2 al 22 dicembre il municipio di Puos ospiterà la mostra di pittura di Valerio Giora. Quadri dedicati a Venezia e al legame con le Dolomiti, ma non solo. La mostra verrà introdotta il 2 dicembre alle 17 dall’esperto Erminio Mazzucco. E avrà uno scopo solidale. I visitatori infatti potranno innamorarsi delle tele esposte e decidere di acquistarle. Il ricavato andrà interamente a Onda Rosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d