Belluno °C

lunedì 26 Febbraio 2024,

In centinaia anche a Belluno per Giulia. La rassegna di lunedì 20 novembre ►VIDEO

Cerca e segui L'Amico del Popolo anche su Facebook, YouTube, Instagram, X

Clicca e guarda la Rassegna stampa, su Facebook oppure su YouTube (in qualità video più alta). La trovi anche su Instagram, clicca qui: https://www.instagram.com/amicodelpopolo.it/

In 300 ieri mattina in piazza dei Martiri, a Belluno, per dare voce a tutte le donne vittime di violenza e di femminicidio. E per Giulia Cecchettin, uccisa dal suo ex fidanzato, Filippo Turetta, che attorno alle 22 di sabato scorso è stato fermato e arrestato in Germania, vicino a Lipsia. Il ministro Tajani ieri ha assicurato che l’estradizione avverrà entro 48 ore. E poi l’annuncio del presidente della Regione del Veneto Zaia: lutto regionale il giorno del funerale di Giulia.
Escursione fatale per un medico coneglianese di 75 anni: Elio Collodel ha perso la vita in Alpago, era con un amico sul Monte Antander, lungo l’Alta via numero 7.
Belluno dice addio ad Aldo Bristot, ultimo patriarca dell’omonima torrefazione: aveva 93 anni.
A Pedavena, dopo la recente ondata di furti nelle abitazioni, investimento sulla sicurezza grazie a nuove telecamere con lettura targhe.
“Rivolta” a Zoldo: c’è grande preoccupazione per le possibili conseguenze della volontà della giunta regionale di accorpare l’istituto comprensivo di Zoldo e l’Istituto comprensivo di Longarone.
Questo e altro nella rassegna stampa di Radio Piave InBlu curata oggi da Martina Reolon.

2 commenti

  • Si è voluto distruggere la famiglia, sopprimere le vite nascenti, uccidere le persone malate e sofferenti: non meravigliamoci se ci sono giovani che non possiedono valori umani e reagiscono con tanta violenza

  • È interessante quello che dice Giuseppe. Penso che l’argomento meriterebbe un approfondimento, anche perché in questi ultimi giorni non ho avuto occasione di sentirne parlare. Mi sgomenta e mi impensierisce l’assuefazione dei giovani e dei giovanissimi alle barbarie di cui continuamente veniamo a conoscenza, vuoi per le guerre o comunque per atti di violenza, tant’è che io, che sono anziana, ho deciso di ascoltare la radio, rinunciando a certi telegiornali. E non per fare come lo struzzo, ma per evitare che l’emotività prevalga sul discernimento e sulla ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d