Belluno °C

giovedì 30 Maggio 2024,

Sorveglianza attiva, finora quasi 51 mila chiamate alle persone in isolamento

È un lavoro immenso, spesso nascosto ma importantissimo, quello dei team del Dipartimento di Prevenzione che si sono occupati della sorveglianza attiva delle persone in isolamento, delle indagini epidemiologiche, delle risposte alle richieste di informazioni al numero aziendale dedicato e al numero per i rientranti dall’estero e della gestione della grande mole di dati epidemiologici.

Attualmente le persone in isolamento domiciliare fiduciario sono 1.266. Persone che vengono quotidianamente contattate: le chiamate da inizio emergenza sono state oltre 50.800. È un lavoro immenso, spesso nascosto ma importantissimo, quello dei team del Dipartimento di Prevenzione che si sono occupati della sorveglianza attiva delle persone in isolamento, delle indagini epidemiologiche, delle risposte alle richieste di informazioni al numero aziendale dedicato e al numero per i rientranti dall’estero e della gestione della grande mole di dati epidemiologici.

Ecco qualche dato: sono 5 gli operatori dedicati al numero aziendale per informazioni sul Covid 0437 514343, attivo dalle 8 alle 20; 3.270 le chiamate ricevute dal 29 febbraio al 26 aprile. Gli operatori telefonici per la sorveglianza attiva sono 12, con orario su due turni, dalle 8 alle 20, con il supporto della Protezione civile del Veneto (Ana e Alpini in ferma). Operatori che ogni giorno contattano le persone in isolamento e registrano eventuale febbre/sintomi, chiedono se hanno bisogno di assistenza psicologica, se hanno necessità di spesa alimentare o di farmaci e forniscono indicazioni circa le modalità di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Come si diceva, le chiamate da inizio emergenza sono state oltre 50.800.

C’è poi il team indagini epidemiologiche, che conta 22 operatori (quasi tutti dipendenti, più alcuni volontari) che operano su due turni, dalle 8 alle 20. Circa 10 le indagini epidemiologiche al giorno con ricerca contatti (3.994 persone coinvolte nelle indagini dal 28 febbraio al 27 aprile). Al Dipartimento di prevenzione, inoltre, afferisce l’ unità di crisi tamponi e test sierologici con 16 operatori (dipendenti), che operano sempre su due turni, dalle 8 alle 20.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d