Belluno °C

domenica 3 Marzo 2024,

Feltre, inaugurato il “Caffè letterario” nella sede Enaip al campus Tina Merlin

Uno spazio per la comunità, tra socialità e cultura. Saranno gli studenti dell’ente di formazione veneto a gestire il bar e la ristorazione.

È stato ufficialmente inaugurato ieri sera, giovedì 9 marzo, a Feltre, il “Caffè letterario” di Enaip Veneto. All’interno del campus Tina Merlin, che ospita la sede dell’ente di formazione professionale, apre dunque alla comunità questo nuovo spazio, pensato soprattutto per i giovani, dove sarà possibile consumare una colazione, un brunch o un aperitivo. Ma non solo. Il Caffè è infatti stato ideato per essere anche un luogo di cultura e incontro: al suo interno un angolo dedicato al “book crossing”, ossia per la condivisione e la lettura di libri, e la possibilità di ospitare eventi culturali e mostre oltre a corsi di formazione e attività ricreative. Attualmente è allestita una mostra fotografica curata dall’associazione «Fcube» con immagini naturalistiche realizzate nei territori di Belluno e Venezia.

Ieri, al taglio del nastro, oltre alle autorità cittadine e ai responsabili di Enaip, numerosi i giovani intervenuti, studenti dell’ente e non solo, giunti a festeggiare l’apertura del caffè; tra gli ospiti anche Debora Nicoletto, cofondatrice e ideatrice dello spazio culturale «Dolomiti Hub», che ha intrattenuto i presenti con la lettura di un racconto sulla rigenerazione dei luoghi, e la scrittrice e artista Paola Pierobon, che insieme al critico Claudio Rorato ha presentato il suo libro «Fiori di luna».

Nato dalla rigenerazione di una sala dismessa della scuola Enaip di Feltre, il Caffè sarà gestito nelle attività di bar e ristorazione direttamente dai circa ottanta giovani studenti dei percorsi formativi a qualifica triennale e quadriennale di “Operatore della ristorazione: indirizzo cucina e indirizzo sala e bar”.
Sarà per loro un’esperienza di notevole valore formativo perché, fuori dalle classiche aule scolastiche, avranno l’opportunità di misurarsi con le proprie capacità e di mettere in pratica in un contesto lavorativo reale le competenze acquisite durante l’anno, secondo la metodologia didattica “del fare” che è tratto distintivo della formazione professionale di Enaip Veneto.

Gli studenti a turno avranno l’occasione di “imparare lavorando” in assetto di “impresa formativa”: una forma di apprendimento già da lungo tempo sperimentata dall’ente e ormai riconosciuta come strumento di realizzazione del cosiddetto “sistema duale” italiano.

«Siamo orgogliosi di dare il via a questo progetto nato per la comunità e per fare comunità – ha raccontato Céline Masset, responsabile della sede Enaip Veneto di Feltre –. È il risultato dell’impegno e del lavoro di tutto il personale della scuola, degli studenti e delle famiglie, reso possibile anche grazie a quanti hanno creduto in noi, a partire dalle aziende e dalle associazioni del territorio fino ai singoli cittadini. A breve – ha continuato Masset – sarà disponibile un calendario di attività e progetti che vedono non solo la collaborazione dei nostri docenti e dei nostri ragazzi, ma che coinvolgeranno anche altri studenti delle scuole superiori di primo e secondo grado. Invito inoltre tutta la comunità a farsi avanti per possibili future sinergie affinché questo locale continui nel tempo a diffondere cultura fra ragazzi, bambini e adulti». La Masset ha poi concluso riservando un ringraziamento speciale alla cooperativa sociale «Porta aperta» per l’allestimento della libreria “upcycling” creata dal riutilizzo di materiali e oggetti di recupero.

Il Caffè letterario deve la propria realizzazione anche al contributo di una raccolta fondi lanciata nel 2019. «Si chiama “ICare” il progetto di fundraising di Enaip Veneto – ha spiegato Marco Galdiolo, responsabile del progetto per l’ente di formazione – ed è fondato su tre parole chiave: giovani, futuro e lavoro. Valorizzando la rete regionale delle nostre sedi, ci siamo posti l’obiettivo di raccogliere risorse per migliorare le nostre scuole, al fine di garantire una formazione professionale sempre più moderna e all’avanguardia e favorire un inserimento lavorativo sempre più sicuro e coerente con le aspettative di ciascuno. Dalla fine del 2018 – ha concluso Galdiolo – abbiamo istituito più di 20 progetti territoriali in tutte le province venete, e 10 di questi progetti sono stati già portati a termine, tra cui il Caffè letterario di Feltre».

A Feltre sono oggi circa 110 gli studenti che frequentano i corsi proposti da Enaip per “operatore del benessere” e “operatore alla ristorazione: indirizzo cucina e indirizzo sala e bar”. Ad arricchire la didattica anche il quarto anno per conseguire il diploma professionale di “Tecnico di cucina e di servizi di sala e bar”.

L’offerta formativa dell’ente si completa inoltre con i corsi di specializzazione dedicati agli adulti e con numerosi servizi per il lavoro a partire dall’orientamento professionale, il bilancio delle competenze fino all’inserimento lavorativo per disoccupati o inoccupati.

1 commento

  • Sono felice come nonna di sette nipoti che ci sia un luogo di aggregazione per i giovani nel quale possono trascorrere del tempo non solo consumando cibi preparati dai loro coetanei ma anche dedicandolo a testi letterari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d